Porsche 919 Hybrid Evo: giro extraterrestre al Nurburgring

Timo Bernard demolisce il precedente record che durava da 35 anni. Dopo Spa, la Porsche si prende anche il ‘Ring.

porsche-919-evo-ring.jpg

La Porsche 919 Hybrid Evo ha fatto segnare un nuovo record: il prototipo ha impiegato solamente 5”19’55 secondi per completare un singolo giro sullo storico tracciato del Nurburgring. Non c’è da stupirsi, però, visto che nelle settimane precedenti erano circolati in rete dei video dove era possibile vedere l’auto affrontare le tornate a velocità fantascientifiche.

Dopo ben 35 anni, quindi, viene letteralmente sgretolato il primato di Stefan Bellof su Porsche 956, l’uomo che, fino a oggi, era stato il più veloce tra le curve dell’“Inferno Verde” con il tempo di 6”11’13. Dietro al volante della 919 Hybrid Evo c’era il pilota Timo Bernard, due volte vincitore di Le Mans e attuale detentore del titolo mondiale del Campionato Endurance.

D’ora in poi (perlomeno, fino al prossimo best lap) sarà lui che avrà l’onore di detenere il record. Un primato che ha anche qualcosa di romantico: pilota, macchina e tracciato sono tedeschi, esattamente come 35 anni fa, quasi come se fosse un passaggio di testimone.

È bene ricordare che questa 919 Hybrid Evo deriva da quella che ha vinto la 24 Ore di Le Mans 2015-16-17, ma non è proprio identica: infatti, la vettura ha beneficiato di numerose modifiche per mostrare il suo potenziale senza le stringenti restrizioni regolamentari del WEC. La LMP1 aveva registrato un giro impressionante anche a Spa-Francorschamps, fermando il crono a 1'41"770. Un tempo persino più veloce della pole del 2017 ottenuta da Lewis Hamilton, che ha fatto segnare un 1'42"553 con la sua monoposto di Formula 1.

  • shares
  • Mail