Ferrari 250 GTO: battuta alla cifra record di 70 milioni

La particolare livrea, il suo passato nel mondo delle corse e il fatto che non abbia mai subito incidenti sono solamente alcune delle caratteristiche che rendono questo esemplare così speciale.

ferrati-250-gto-1963.jpg

Non esiste appassionato d’auto al mondo che non vorrebbe possedere una Ferrari, figuriamoci se si tratta di una 250 GTO: uno dei capolavori più grandi concepiti dal Cavallino. La sportiva italiana è stata prodotta in sole 39 unità e ciò spiega perché servano assegni milionari per poterla acquistare. Soltanto 4 anni fa, un’esemplare del 62’ è stato battuto all’asta a 38 milioni di dollari, una cifra enorme.

Tuttavia, pochi giorni fa David MacNeil, CEO di WeatherTech, ha acquistato una 250 GTO del 1963 per l’astronomica somma di 70 milioni di euro, che la rende l’auto classica più costosa di sempre. La livrea argentata con particolari bianchi e gialli si distingue dal solito rosso, caratteristico delle creature di Maranello. A causa del suo ricco passato, questa 250 GTO è una delle più apprezzate della limitatissima produzione.

Infatti, la vettura non è stata mai incidentata nonostante sia stata usata per le corse. Nel suo curriculum ci sono innumerevoli partecipazioni in diverse competizioni, tra cui la celebre 24 Ore di Le Mans del 63’, la dura gara di dieci giorni del Tour de France del 64’ (che vinse), il Gran Premio dell’Angola e ancora molto altro. Basti pensare che la supercar ha gareggiato in 14 eventi ne solo periodo dal 1964 al 1965.

Per i tre anni successivi al 1966, la 250 GTO ha calcato i circuiti della Spagna. Successivamente passò per le mani di diversi proprietari: prima Eugenio Baturone, poi il francese Henri Chambon, in seguito lo svizzero Nicolaus Springer. Quest’ultimo, prima di venderla al tedesco Herr Grohe per 6.5 milioni di dollari, si è concesso due uscite al Goodwood Revival. Infine, l’auto fu venduta a Christian Glaesel, un altro appassionato d’auto storiche, per poi arrivare a David MacNeil, l’attuale fortunato proprietario del mezzo.

  • shares
  • Mail