Lotus: nuova Esprit, SUV e motori Volvo nel futuro

L'ingresso nel gruppo Geely consentirà il ritorno della leggendaria supercar, oltre all'ampliamento della gamma con altri due nuovi modelli.

lotus_esprit_01jpg
Stando a quanto riportato da "Autocar", Lotus beneficerà presto dell'ingresso nel gruppo automobilistico cinese Geely che investirà fortemente sul costruttore britannico di auto sportive. Infatti, nel 2020, dovrebbe tornare la supercar Esprit che si posizionerà sopra all'attuale Evora, quest'ultima in vendita anche sul mercato italiano al prezzo 'base' di oltre 100.000 euro.

L'altra novità assoluta di Lotus per il futuro sarà l'inedita SUV, riconoscibile per la carrozzeria a forma di crossover. Questo modello sfrutterà fortemente le sinergie con Volvo, a partire dalla condivisione della piattaforma modula SPA. Inoltre, potrebbe essere proposta solo nelle versioni a propulsione ibrida ed elettrica.

Nel futuro di Lotus è previsto anche il graduale abbandono delle attuali motorizzazioni a benzina di Toyota, il quale fornisce il propulsore 1.6 da 136 CV, il motore 1.8 da 220 a 250 CV e l'unità 3.5 V6 da 350 a 430 CV. La Casa di Hethel adotterà le motorizzazioni a benzina di Volvo, come il propulsore 1.5 Turbo a tre cilindri da 156 CV e il motore 2.0 Turbo a quattro cilindri che è proposto in varie declinazioni da 190 a 367 CV di potenza.

Infine, sarebbe allo studio un ulteriore modello dalla vocazione sportiva, da collocarsi tra la Lotus Elise e la Lotus Exige che sul mercato italiano sono disponibili, rispettivamente, ai prezzi di 45.000 euro e 80.000 euro circa. Questo modello potrebbe adottare una delle storiche denominazioni Elan o Elite, come le omonime concept car esposte al Salone di Parigi del 2010.

  • shares
  • Mail