Emissioni auto: consegne Audi SQ5 sospese

Produzione fermata probabilmente per adeguare il SUV alle nuove norme basate sul ciclo di test WLTP

Emissioni auto

Le normative sulle emissioni auto stanno creando infiniti problemi ai costruttori e, di riflesso, anche ai consumatori. L'ironia della situazione è che questa volta la "colpa" va al rimedio escogitato per cancellare il male. Il rimedio è il nuovo ciclo internazionale di test di laboratorio WLTP, basato su condizioni più vicine a quelle reali del precedente NEDC (il male), ciclo i cui risultati sono molto lontani dalla realtà. Il periodico inglese Autocar riporta che le consegne del SUV prestazionale Audi SQ5 sono state sospese nel Regno Unito; tuttavia il problema potrebbe estendersi anche al resto dell'Europa.

La casa tedesca, interpellata dalla rivista, ha dichiarato che la sospensione è dovuta ad una saturazione della produzione prevista per il 2018 destinata al mercato britannico. Tuttavia Autocar riporta voci in cui si sostiene che l'alt è dovuto alla necessità di adeguare il modello alle nuove norme. Ciò segue di qualche mese una decisione analoga presa dalla BMW, che ha sospeso per un anno le consegne delle versioni a benzina della Serie 7 e terminato anzitempo la produzione della M3. Se il motivo fosse effettivamente questo, è chiaro che anche per gli SQ5 destinati agli altri mercati ci sarebbero dei rallentamenti.

Riepiloghiamo la questione. Il ciclo WLTP (Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Procedure) è entrato in vigore nell'Unione europea il 1° settembre 2017. Da quella data tutti i veicoli passeggeri di nuova omologazione devono conformarsi a tali parametri. Il secondo step, molto più pesante, partirà dal 1° settembre 2018, quando l'obbligo sarà per tutti i veicoli di nuova immatricolazione. Insomma, tutte le auto nuove. Questi test verranno affiancati dal 2019 dai RDE (Real Drive Emissions): test a campione condotti sulle strade, i cui risultati non potranno sforare oltre limiti precisi da quelli di laboratorio.

La sintesi di tutto ciò è che i dati dei test WLTP indicano valori di emissioni notevolmente superiori a quelli del vecchio ciclo NEDC, progettato negli anni '80 e adottato nel 1996. Adeguare i veicoli costa molto. Ma il problema diventa anche progettuale e produttivo per quanto riguarda i modelli omologati ancora sotto il ciclo NEDC (ci riferiamo ai motori a benzina, la cui combustione emette intrinsecamente maggiori emissioni rispetto ai diesel più recenti). Infatti, non potendo riprogettare i motori, il loro adeguamento comporta necessariamente l'adozione di filtri antiparticolato specifici per motori a ciclo Otto. Che non è una cosa semplice da applicare ad un veicolo già progettato. Audi SQ5 ha un motore V6 3.0 turbo a benzina da 354 cavalli.

  • shares
  • Mail