Tragedia in Australia: muore a 8 anni con il suo dragster

La piccola ha avuto un incidente a Perth, mentre stava prendendo la licenza junior. Il padre: "Era il momento più importante della sua vita"

Dragster

Il suo sogno era quello di diventare una pilota di dragster, ma si è infranto contro una barriera di cemento in un autodromo di Perth. Una bambina di otto anni, Anita, ha perso la vita mentre stava provando a realizzarlo, nel corso delle prove per poter partecipare al Goldenstate Championship, un campionato dove avrebbe potuto correre il suo dragster per bambini tra 8 e 16 anni.

Dopo lo schianto, le sue condizioni sono apparse subito gravi ed è stata immediatamente portata all’ospedale più vicino, dove non ce l’ha fatta. “La sua passione per le corse, il drag racing e l’essere qui in pista come una famiglia, con la sorella, era il momento più importante della sua vita – ha detto il padre Ian a TimeSiamo stati benedetti ad averla per otto anni, ci mancherà per sempre”.

L’associazione australiana di Drag racing consente ai bambini di età tra 8 e 16 anni di competere nelle corse junior ed Anita stava prendendo la licenza, già posseduta da oltre 100 bambini australiani. Dopo l’incidente mortale, il governo australiano ha temporaneamente sospeso le corse a Perth, unico luogo dove si tengono queste corse nell’Australia occidentale, per poter investigare sull’accaduto. Ma il padre della piccola dice: “Non servono grandi cambiamenti. Purtroppo, in un milione di eventi, è capitato a noi ed alla nostra piccola bambina”.

  • shares
  • Mail