Volkswagen torna alla Pikes Peak con un prototipo elettrico

Il costruttore tedesco non partecipa alla storica cronoscalata americana da trent'anni. Ci ritorna con una auto da corsa elettrica.


Volkswagen torna alla Pikes Peak con un prototipo elettrico


La Pikes Peak International Hill Climb in Colorado (USA) è, probabilmente, la cronoscalata più famosa del mondo. Di sicuro è tra le più impegnative con i suoi 19,99 km di lunghezza e 1.440 metri di dislivello, con arrivo a 4.300 metri sul livello del mare. L'ultima volta che Volkswagen vi ha partecipato era il 1987.


Trent'anni fa VW tentò di battere il record di allora con una Golf con due motori 1.8 turbo da 652 CV, in grado di raggiungere i 100 chilometri orari in 3,4 secondi. Era l'epoca delle auto dalle potenze mostruose, che dominavano i Rally e le cronoscalate. A guidare quel mostro c'era Jochi Kleint che, però, a soli due tornanti dal traguardo ruppe una sospensione e dovette ritirarsi. Quell'anno a vincere la Pikes Peak fu Walter Rohrl a bordo di una Audi S1 da rally gruppo B.

L'anno prossimo Volkswagen ci riprova, ma i tempi sono cambiati enormemente dal 1987. Il gruppo tedesco, infatti, a fine giugno 2018 in Colorado non porterà un altro mostro bimotore a benzina ma un prototipo elettrico, la prima auto da competizione 100% elettrica di Volkswagen.

Non sappiamo quasi nulla di questo prototipo, se non quanto ha dichiarato Frank Welsch, Responsabile dello Sviluppo Volkswagen: "La nostra elettrica da competizione sarà equipaggiata con batterie e sistemi di propulsione innovativi. Le condizioni estreme della Pikes Peak ci daranno informazioni importanti che aiuteranno lo sviluppo, oltre a mettere in mostra le capacità dei nostri prodotti e delle loro tecnologie".

Altre elettriche hanno già scalato Pikes Peak. Una Tesla Model S P90D è infatti riuscita compiere l'impresa in 11 minuti e 48 secondi, aggiudicandosi il record tra le elettriche di serie.

Ma Volkswagen con il suo prototipo elettrico punta a battere il record delle auto da gara: 8 minuti e 57,118 secondi, realizzato dallo statunitense Rhys Millen su e0 PP100 nel 2016.

  • shares
  • Mail