Seat Arona: primo contatto a Barcellona

Primo contatto con la Seat Arona equipaggiata con il 1.5 benzina da 150 Cv. Le nostre impressioni.

L’autunno bollente dei SUV urbani saluta l’arrivo della caliente Seat Arona, portabandiera, insieme alla Ateca, dell’esordio della Casa di Martorell nei segmenti più premiati dal mercato e tassello fondamentale nell’offensiva del Gruppo Volkswagen, assieme alla cugina T-Roc. La Arona punterà a conquistare un pubblico nuovo per Seat, mettendo sul tavolo personalità e caratteristiche estetiche fedeli agli stilemi del Marchio spagnolo, coniugate ai vantaggi in termini di spazio e comportamento dinamico legati all’utilizzo della piattaforma Volkswagen MQB A0. La stessa di Volkswagen Polo e nuova Ibiza. Proprio dopo Ibiza e Leon, particolarmente importante è questo terzo debutto del 2017, visto che non solo la Arona è la prima crossover compatta di Seat, ma anche dell’intero Gruppo Volkswagen.

All'esterno si presenta con un aspetto solido, moderno e accattivante, personalizzabile con 68 combinazioni disponibili, anche se il crossover spagnolo riesce a sorprendere per comodità e spazio a bordo nonostante i suoi 4.138 millimetri di lunghezza. La Seat Arona è di 79 millimetri più lunga della Seat Ibiza ma il dato più importante è la differenza d’altezza, ben 99 millimetri in più della cinque porte che vanno a tutto vantaggio dell’abitabilità dei passeggeri e della guida in fuoristrada. Da perfetta crossover si presta infatti all'uso in città, grazie alle sue dimensioni contenute, come alle scampagnate fuori porta, per il grande spazio a bordo e grazie alla possibilità di carico del bagagliaio che tocca i 400 litri. Oltre al comfort, sulle strade di Barcellona abbiamo apprezzato le qualità dinamiche della versione equipaggiata con il quattro cilindri benzina TSI da 150 CV con cambio manuale a 6 rapporti. In Italia saranno disponibili al lancio i modelli equipaggiati con il tre cilindri a benzina EcoTSI 1.0 da 95 e 115 Cv, abbinato sia al cambio manuale sia all'automatico DSG, con prezzi a partire da 16.950 euro.

Com’è fatta


Voto 7.5 Primo Contatto
A livello estetico domina lo stile Seat di ultima generazione, con l’assetto rialzato, le protezioni del sottoscocca in alluminio, passaruota pronunciati e modanature sui montanti che la distinguono (molto) dalla Ibiza. Come la sorella è stata completamente sviluppata a Barcellona, con il tipico look da crossover nelle proporzioni ed il DNA della Casa che traspare nel linguaggio stilistico della carrozzeria. Sul frontale spicca la grossa griglia nera (o cromata) a dividere i gruppi ottici aggressivi con luci diurne a led specchietti esterni in tinta con la carrozzeria e fendinebbia con funzione cornering. I cerchi sono da 16”, ma a richiestasono disponibili i 17”. Sul tetto sono presenti le barre portaoggetti. La personalità Seat è espressa anche all'interno dell'abitacolo, lineare e pulito, di qualità ma senza essere esageratamente sfarzoso.

Sicurezza ed ergonomia sono messe in primo piano, visto che tutto è a portata di mano e si possono gestire tutte le funzioni dell'infotainment Media System, con schermo touch da 5 o 8 pollici, attraverso i comandi vocali e quelli sul volante in eco-pelle. Nelle versioni top di gamma come la Xcellence, i sedili sono rivestiti in pelle e Alcantara, oltre all’ormai immancabile piastra per la ricarica wireless dello smartphone. Rivestimenti in pelle che ritroviamo anche sul pomello del cambio e sulla leva del freno a mano. La strumentazione del cruscotto è analogica con dislpaly centrale digitale, mentre al centro della plancia, lungo la quale corre un pannello plastico con colori a contrasto, troneggia il display dell’infotainment che implementa le funzioni di Android Auto ed Apple Carplay. Come accennato, l’abitabilità generale è buona, anche per via del passo di 2,57 metri e c'è spazio in abbondanza nel bagagliaio, che parte dai 400 litri in configurazione standard per arrivare ai 1.280 litri con il divano posteriore abbattuto.

Come va


Sulle strade catalane abbiamo avuto modo di provare la versione con il quattro cilindri 1.5 TSI da 150 cavalli, abbinato al cambio manuale a 6 rapporti, abbastanza elastico e potente da garantire un buon spunto al semaforo, così come una discreta progressione negli allunghi autostradali. Prima, seconda e terza hanno un buon tiro, quarta e quinta discrete, mentre la sesta è di riposo. La Seat Arona riesce a coniugare le esigenze del genitore che porta i figli a scuola come quelle di chi desidera una guida un po' più vivace. Lo sterzo è morbido il tanto che basta per farsi aprezzare in città, ma anche negli inserimenti a velocità un po' più alte. Le sospensioni assorbono alla grande avvallamenti e buche, il rollio in curva è presente ma contenuto ed una volta in appoggio si ha un'ottima stabilità. Sul fronte consumi rimandiamo ad una prova più completa per verificare il dato dei 5,1 l./100 Km. Anche ad andatura autostradale poi non si avvertono quasi fruiscii salvo il rotolamento degli pneumatici. Sul fronte della sicurezza attiva e passiva la Arona si distingue nel segmento per la presenza di sistemi quali il Front Assist, l'avvisatore dell'angolo cieco, rear traffic alert, cruise control adattivo, frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedoni, fino al segnalatore di stanchezza. Alla Seat Arona non manca davvero nulla.

Seat Arona Scheda Tecnica


Seat Arona Scheda Tecnica by Blogo Motori on Scribd


  • shares
  • Mail