Strade da incubo: sulla S.S. 121 Palermo-Agrigento 50 km in un’ora e mezza

In un video su YouTube la disarmante condizione della S.S. 121 Palermo-Agrigento: per percorrere 50 km ci si mette un’ora e mezza.


Che la situazione delle strade e autostrade siciliane non fosse delle migliori era ben noto. Ma ci sono alcune strade che non è eccessivo definire “da incubo“. Un esempio? La S.S. 121 che collega Palermo ad Agrigento, di cui potete ammirarne un tratto in questo post grazie a un video caricato su YouTube da Giuseppe Tartamella.

L’utente della strada, e di YouTube, con un montaggio semplice ma efficace ha racchiuso in 4 minuti un’ora e mezza di viaggio sulla S.S. 121. E neanche tutta la S.S. 121… solo i primi 52 Km, come spiega lo stesso Tartamella nella descrizione del video: “Questa è la strada che collega Palermo ad Agrigento, in particolare nel tratto che va da Misilmeri sino a Lercara Friddi. Un tratto di appena 52 KM che si percorre in un ora e mezza. Nello stesso tempo ed alla stessa velocità (calcolato da Google) si potrebbe andare da Milano a Torino, ma percorrendo 140km“.

La Palermo-Agrigento, oltre Lercara Friddi, continua esattamente nello stesso modo: deviazioni, restringimenti, semafori dai timing infiniti. E’ in queste condizioni da circa due anni: il primo gennaio 2015, infatti, come forse qualcuno ricorderà lungo la 121 si sbriciolò la rampa di accesso del viadotto “Scorciavacche“. Rampa e viadotto inaugurati poco prima di Natale.

Pochi mesi dopo questo crollo ne avviene un altro famoso, sempre in Sicilia: ad aprile 2015 i piloni del viadotto Himera sulla A19 Palermo-Catania scivolano a causa di un cedimento delle fondazioni e l’asfalto del viadotto si spezza come un cracker. Per fortuna nessun morto e nessun ferito.

Dopo il secondo crollo d’improvviso le autorità si accorgono che una enorme quantità di viadotti lungo le strade e autostrade siciliane sono pericolanti. E partono i cantieri. Per fortuna, alla buon’ora. Le stesse autorità affermano che erano tutti cantieri già in previsione e che si tratta solo di una coincidenza. In effetti molti progetti esecutivi erano già pronti, in qualche cassetto.

Oggi, a oltre due anni dai fatti, la situazione è quella che ci mostra Tartamella: i cantieri procedono, si fa il possibile ma come era logico il traffico è andato in tilt a causa della presenza sulla stessa strada di troppi cantieri. Situazione simile sull’A19 PA-CT e su altre strade e autostrade siciliane: si è aperta la stagione dei cantieri.

Sia chiaro, mezza Italia è in queste condizioni e c’è poco da stupirsi. Al contrario, invitiamo i nostri lettori a segnalarci situazioni simili nel resto dello Stivale. Purché ben documentate, perché quando si parla di sicurezza stradale fare incetta di click a noi non interessa.

Ultime notizie su Sicurezza

Sicurezza

Tutto su Sicurezza →