Fumo in auto: sanzioni fino a 500 euro

Secondo il Ministero della Salute il divieto tutela i minori e il nascituro dal fumo passivo.

Sono i nuovi divieti antifumo, introdotti lo scorso 12 gennaio 2016 e in vigore dal 2 febbraio dello scorso anno. Divieti che hanno dato una bella stretta anche al comportamento degli automobilisti, in sosta o in movimento e, ovviamente anche ai passeggeri a bordo.

Ora, secondo la legge, è vietato fumare in presenza di minori di anni 18 e donne in stato di gravidanza. Come ci ricorda il sito studiocataldi.it, ai trasgressori, ossia coloro che fumano in auto in presenza di minori o donne incinte saranno soggetti ad una sanzione amministrativa che prevede il pagamento di una somma da euro 25 a euro 250. La sanzione raddoppia nel caso in cui la violazione viene commessa in presenza di una donna in evidente stato di gravidanza o in presenza di lattanti o bambini fino ai dodici anni, potendo così raggiungere anche i 500 euro.

Si tratta di un comportamento fuorilegge difficile da accertare e non sempre il personale è preparato sulle sanzioni antifumo, inoltre anche le singole regole possono variare da Regione a Regione. In caso di infrazione la procedura da seguire è differente rispetto alle “normali” multe: se il trasgressore non paga la sanzione entro 60 giorni, la somma non è inviata a ruolo, bensì viene presentato un rapporto alla Regione. Nessuno sconto se si paga entro 5 giorni e diverse modalità di ricorso: è possibile rivolgersi solo al Prefetto e non anche al Giudice di Pace, entro 30 giorni, anziché 60.

Ultime notizie su Tasse

Tasse

Tutto su Tasse →