BMW Serie 2 Coupè e Cabrio: prima prova

Nuove BMW Serie 2 Coupè e Cabrio: primo contatto sulle M240i xDrive e 220d Cabrio.

BMW Serie 2 Coupè e Cabrio - I tedeschi soffrono il caldo? Si, anche in giornate dove il termometro sale, inaspettatamente per noi, oltre i 35 gradi. Eppure ti accolgono con un sorriso sincero, quasi fanciullesco, quando ti mostrano la bellezza di guidare "scapottati", a bordo della nuova Serie 2 Cabrio.

Ma andiamo con ordine. In BMW hanno lavorato aggiornando tanti particolari senza stravolgere il progetto originale. Nuovo disegno dei fari bi-Led e delle luci posteriori, una cornice del "doppio rene" più elegante e sportiva nello stesso tempo, prese d'aria anteriori allargate. Tre nuovi colori tra i quali spicca il "Sunset Orange": un arancione sportivo, brillante senza essere troppo aggressivo. L'insieme degli accorgimenti utilizzati rendono queste due versioni della Serie 2 una eleganza che forse prima era mascherata da una certa voglia di sportività. Piccoli dettagli che in questo caso non sembrano affatto "forzati" per il classico facelift di mezza età, come accade in altre occasioni.

All'interno della BMW Serie 2 Coupè e della Cabrio la plancia è stata completamente ridisegnata. Se nella versione precedente le linee puntavano verso la consolle centrale, ora è accentuato il senso di orizzontalità, che forse si integra meglio con il nuovo infotainment di bordo. Arriva infatti dalla Serie 7 e Serie 5 la versione più aggiornata del sistema iDrive e ConnectedDrive.

Il touchscreen da 8,8 pollici è uno dei più brillanti visti negli ultimi tempi, con una grafica piacevole ed intuitiva. I comandi vocali passano al livello successivo, dimenticate i comandi da motore di ricerca e andate al sodo: "ho fame" vi darà come risultato tutti i ristoranti della zona, "voglio una pizza" andrà direttamente sulle pizzerie. Talmente semplice da sembrare banale, così come immediati sono i comandi per le telefonate. In questo caso c'è da dire che le prove fatte con il vivavoce hanno evidenziato una buona qualità audio sia in entrata sia in uscita, anche con la capote aperta sulla cabrio. Peccato sia presente unicamente Apple Car Play e non Android Auto, perchè è presente la ricarica induttiva utilizzata invece sui sistemi Android e non su iPhone. C'è però la possibilità di installare un hotspot per 10 device max grazie alla sim presente sulla vettura, con connessione gestita da BMW. Menzione d'onore all'impianto audio Harman/Kardon, che riesce a riprodurre bassi e alti in maniera cristallina senza distorsioni o vibrazioni fastidiose all'interno della vettura.

A bordo della BMW Serie 2 Coupè M240i xDrive il mondo ti sorride. 340 cavalli sprigionati dal sei cilindri tre litri turbo, "accompagnati" dal cambio automatico ZF a otto marce e dalla trazione integrale. Il suono è entusiasmante, senza essere troppo maleducato all'esterno, la guida è fluida, con la consapevolezza che quando vuoi... puoi. Prestazioni dichiarate con uno 0 a 100 km/h in 4,4 secondi, decisamente "reali", e una velocità massima di 250 km/h autolimitata. Assetto rigido quanto basta; l'elettronica fa molto, e guidare questo piccolo "missile" è molto più piacevole di quanto tutta questa "cattiveria" possa far immaginare. O forse è stata la presenza quasi costante di una pattuglia della "Polizei" alle mie spalle ad indurmi ad una guida più rilassata, chissà.

New BMW M240i Coupe sound is terrific! (8-speed Steptronic Sport transmission, 3 litres 340 hp petrol engine) 😍😍😍

Un post condiviso da Gianluca Pezzi (@gianluca) in data:


Ciò che mi ha più positivamente impressionato è stata la scelta assolutamente "azzeccata" della combinazione motore, telaio e dimensioni. Forse è una questione personale, un po' come quando si compra un abito. Cerco di spiegarmi meglio: considerando le strade europee, con questi cavalli, non vorrei avere neanche 10 mm di dimensioni in più, o in meno. Devo ammettere che raramente mi è capitato di trovare vetture che mi hanno lasciato un senso di confidenza e familiarità come in questa Serie 2 Coupè quasi da dire... è "la mia" automobile.

Torniamo allora all'inizio di questa prova, con il caldo che accompagna il test drive della Serie 2 Cabrio, in versione 220d. E' un'altra musica: i 190 cv del due litri diesel sono decisamente più "soft" e adatti ad una guida rilassata. Al semaforo chiudo la capote con il comando elettrico, e continuo l'operazione in movimento quando da rosso passa a verde, avendo l'accortezza di non superare i 50 km/h, suscitando ovviamente la curiosità di chi mi circonda.

Non si avvertono più di tanto i flussi d'aria, anche in autostrada, così come non è necessario alzare il volume al massimo per sentire l'impianto audio. C'è solo un nemico, per quanto possa essere paradossale: il caldo. Senza tettuccio di assale, ti avvolge e senza cappellino, colpa mia non l'avevo con me, ti frigge. Mi arrendo, chiudo la capote e accendo l'aria condizionata. In fin dei conti su una Cabrio ci si deve godere la vita, mica soffrire. Riapro la capote un paio di km prima dell'arrivo, trovo gli stessi sorrisi di quando sono partito. Confermo: la Cabrio mette di buon umore, possibilmente sotto ai 28/30 gradi esterni...

BMW Serie 2 Coupè e Cabrio: scheda tecnica

La Nuova BMW Serie 2 Coupe Cabrio Scheda Tecnica e Dati Tecnici by Blogo Motori on Scribd

  • shares
  • Mail