Autovelox: va sempre segnalato

La presenza dell'autovelox, sia fisso che in movimento, deve essere sempre preannunciata da appositi cartelli.

tutor-autovelox.jpg

In barba agli allarmismi, presunti, di questi giorni, la presenza sulle strade di autovelox fissi o utilizzati in movimento deve essere sempre segnalata con appositi cartelli.

Con una recente sentenza, la numero 286/2017, il Giudice di Pace di Reggio Emilia ha ribaltato quanto asserito dal d.m. infrastrutture e trasporti del 15 agosto 2007 che escludeva l’obbligo di presegnalazione dei cosiddetti autovelox dinamici.

Come ci spiega il sito studiocataldi.it, nella sentenza si legge che:

“La prescrizione dell'articolo 142, comma 6 bis, c.d.s. non può essere derogata dal predetto decreto.”

Quindi, l’unica norma da seguire è quella indicata dal Codice della Strada, secondo la quale:

“Le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili".

Nel caso preso in esame la segnalazione era assente, fatto che ha determinato l’annullamento del verbale. Ma anche un altro aspetto ha contribuito alla decisione del Giudice di Pace: la violazione dell’obbligo di contestazione immediata.

Nel verbale, l’omessa contestazione immediata veniva motivata dal fatto che la rilevazione della velocità era avvenuta grazie ad un dispositivo che permetteva l’accertamento in un secondo momento. In realtà, lo strumento si trovava su un veicolo in movimento, fatto dimostrato dal verbale stesso e dalle foto prodotte che mostravano degli scatti effettuati da una posizione ravvicinata.

  • shares
  • Mail