Segnaletica Autovelox: non cambia nulla

Segnali autovelox: la sola idea di eliminarli ha scatenato diverse discussioni. Inutili.

tutor

Segnaletica Autovelox - Ha sollevato un polverone l'articolo di Repubblica riguardante la proposta di progetto, nemmeno una "proposta di legge", che eliminerebbe i cartelli di segnalazione di Tutor ed Autovelox perché metterebbero a repentaglio la sicurezza.

Tutto parte dalle parole del Procuratore Generale di Roma Giovanni Salvi, successivamente riportate da varie testate, il quale avrebbe auspicato l’eliminazione dei cartelli di segnalazione per evitare le improvvise frenate, cambi di corsia e manovre pericolose, che gli automobilisti compiono quando viene indicata la presenza dei temuti autovelox.

“Levare queste segnalazioni preventive riporterebbe legalità sulle nostre strade: deve passare il concetto che gli automobilisti devono sempre viaggiare entro i limiti di velocità, non solo quando ci sono i controlli”. Una semplice frase quella del Procuratore, che in ogni caso impiegherebbe mesi per diventare una vera proposta di legge e forse anni per diventare un Disegno di Legge. Tutto questo al netto delle possibili, quanto frequentissime, modifiche alla legge che si possono introdurre durante l’iter parlamentare.

La classica tempesta in un bicchier d'acqua, insomma, così come l’idea di eliminare le segnalazioni anche dalle app e dai siti, cosa che, all’atto pratico, sarebbe quasi impossibile da realizzare.

Cartelli di segnalazione o meno, sarebbe bello che tutti imparassimo a rispettare i limiti sempre, anche perché le apparecchiature di ultima generazione sono in grado rilevare la velocità anche a grande distanza, “vanificando” così le frenate degli ultimi metri. Allo stesso modo, ci piacerebbe che i limiti di velocità venissero decisi "con criterio" e non semplicemente per far "accendere" gli autovelox come accade sempre di più.

  • shares
  • Mail