Wanna Cry: il ransomware colpisce gli autovelox

Wanna Cry, il ransomware che ha attaccato il mondo, ha colpito anche gli autovelox e i photo-red. Ecco cosa è successo.

autovelox

Wanna Cry è il noto ransomware responsabile di un attacco informatico su scala planetaria a maggio 2017. Recentemente ha colpito anche gli autovelox e i photo-red. Non in Europa ma in Australia. Come riporta il The Guardian, il governo dello Stato del Victoria ha annunciato che 55 telecamere sono state infettate dal malware dopo l'introduzione per errore del virus da parte di un collaboratore esterno. Un portavoce del dipartimento ha dichiarato che tutte le 55 telecamere hanno ugualmente "funzionato in modo corretto e preciso" durante l'attacco del malware, risolto in circa due giorni. Per sicurezza, la questione è stata comunque riferita alla Road Safety Camera Commissioner dello Stato.

La radio Melbourne 3AW ha sottolineato che l'infezione era stata scoperta all'inizio del mese di giugno ma che era stata riferita alla commissione solo dopo l'articolo pubblicato in merito sul sito della radio australiana. Il dipartimento di Stato ha dichiarato che andrà a ritirare tutte le sanzioni comminate nel caso in cui la commissione riterrà che gli automobilisti sono stati penalizzati a causa del ransomware Wanna Cry. Per fare chiarezza, il governo ha specificato che "il virus non ha influenzato l'accuratezza del sistema e che tutte le violazioni durante questo periodo sono state catturate correttamente e non sono state colpite da infrazioni al virus".

Il noto conduttore di Melbourne 3AW Neil Mitchell ha risposto che “queste sono le stesse persone che ci hanno assicurato che i sistemi sulla Western Ring Road funzionavano bene e alla fine hanno dovuto rimborsare 26 milioni di dollari agli automobilisti“. Il giorno successivo la Polizia dello Stato del Victoria ha comunicato che è stato deciso di annullare 590 multe comminate dal 6 al 22 giugno e provenienti dai 55 sistemi attaccati dal virus. Tutto ciò nonostante il loro funzionamento non risulti minimamente alterato. Ross Guenther, Assistant Commissioner, ha spiegato che dietro alla decisione c'è la volontà di trasmettere "fiducia alla gente intorno al nostro sistema di videocamere il cui obiettivo è quello di salvare vite umane. Quindi il messaggio chiave per me è che le telecamere stanno ancora funzionando".

Il dipartimento di giustizia ha comunque voluto specificare che l'infezione non è il risultato di un attacco mirato. Tutto sarebbe nato da un addetto alla manutenzione che ha introdotto per errore Wanna Cry tramite una chiavetta USB nel sistema che controlla autovelox e telecamere.

  • shares
  • Mail