Mazda: i 50 anni della Cosmo con motore rotativo

Mazda celebra i 50 anni dal lancio della Cosmo Sport: prima vettura equipaggiata con motore rotativo.

Correva l’anno 1967 quando Mazda presentò la Cosmo Sport, prima vettura in tutto il mondo alimentata da un motore a doppio rotore, iniziando così a scrivere la storia di un marchio da sempre caratterizzato da un approccio non convenzionale all'ingegneria e al design.

Conosciuta fuori dal Giappone come 110S, la 2 posti di Hiroshima, pur con soli 1176 esemplari prodotti, ha fornito quel dna poi ritrovato in modelli di successo come Mazda RX-7 e Mazda MX-5. Lo sviluppo del motore rotativo è stata una sfida vinta dagli ingegneri di Mazda, che hanno dovuto superare svariati ostacoli per renderlo commercialmente valido, testando prototipi di Cosmo Sport per migliaia di chilometri prima dell’introduzione sul mercato. Sforzi premiati negli anni da quasi 2 milioni di veicoli a motore rotativo venduti, e da diversi successi nelle competizioni automobilistiche, su tutti quello nel 1991, quando una Mazda 787B alimentata da un propulsore a quattro rotori da 2,6 litri e 710  CV,  si affermò alla 24 Ore di Le Mans.

Il Wankel è andato temporaneamente in pensione insieme alla RX-8, ma in Mazda starebbero studiando un'evoluzione priva dei difetti tipici di questa architettura: i consumi elevati, la cronica mancanza di coppia e l'affidabilità non proprio esemplare. A confermarlo ci sono i brevetti di quello che l’azienda definisce “motore con pistone rotativo montato su un veicolo”.

  • shares
  • Mail