Uber, Tribunale di Roma: respinto il ricorso dei tassisti

Il servizio Black sbloccato su tutto il territorio nazionale.

app_car_uber.jpg

Il Tribunale di Roma ha revocato oggi la propria ordinanza emessa lo scorso 7 aprile con la quale aveva disposto il blocco del servizio Uber-Black e l’oscuramento dell’app dedicata in tutta Italia. Sempre nel mese di aprile il tribunale aveva momentaneamente sospeso il blocco dopo l’immediato ricorso dell’agenzia.

Secondo quanto dichiarato da ilmessaggero.it, ora che il reclamo è stato accolto in maniera definitiva, il servizio Black può continuare ad operare, mentre gli altri servizi del gruppo come Uber Pop e Uber X continueranno ad essere vietati come stabilito dal Tribunale di Torino lo scorso marzo.

Sembrerebbe che il Tribunale di Roma abbia deciso di attuare la decisione del Parlamento di sospendere fino al prossimo 31 dicembre una serie di norme della legge nazionale che disciplina il settore taxi e NCC. Sospensione introdotta nella legge di conversione del decreto Milleproroghe grazie al cosiddetto emendamento Lanzillotta che aveva dato vita alle forti proteste dei tassisti di inizio anno.

  • shares
  • Mail