In auto con la moto al seguito

Le regole da rispettare per non far scattare la multa.

Carrello, rimorchio

Quando si traina un rimorchio o un carrellino per trasportare una moto bisogna fare attenzione a come si affrontano determinate manovre, soprattutto durante i percorsi in curva e in salita. Per questo è utile sapere cosa la legge prescrive in materia per viaggiare in maniera più accorta e sicura.

L’uso del carrellino è semplice, deve avere la targa ripetitrice dell’auto e la stessa deve essere indicata sulla carta di circolazione del veicolo, in più non vi è nessuna limite particolare di velocità che rimangono quelli in vigore per le auto su strade e autostrade.

Se si usa un rimorchio, invece, le cose sono diverse. Il rimorchio ha una sua targa e un suo libretto, anche se si tratta di un rimorchio leggero. Cambiano i limiti di velocità i presenza di rimorchio: 70 km/h su strade extraurbane principali e secondarie e di soli 80 km/h sulle autostrade.

Sia che si prediliga il carrellino o il rimorchio, occorre sempre la massima cautela nel fissare e ancorare bene la moto e ricordate sempre di fare attenzione alle folate di vento, vere nemiche dei rimorchi. E’ meglio procedere sempre con attenzione, soprattutto quando si effettuano dei sorpassi.

  • shares
  • Mail