F1: Per Hamilton torna l'incubo-Nico?

Dopo tre gare per la prima volta ad Al Sakhir, il finlandese partirà in pole davanti ad Hamilton

BAHRAIN, BAHRAIN - APRIL 15:  Lewis Hamilton of Great Britain and Mercedes GP congratulates pole position qualifier Valtteri Bottas of Finland and Mercedes GP in parc ferme  during qualifying for the Bahrain Formula One Grand Prix at Bahrain International Circuit on April 15, 2017 in Bahrain, Bahrain.  (Photo by Mark Thompson/Getty Images)
Formula 1 - Tre gare: tanto è bastato a quel finlandese di ghiaccio, mansueto e tranquillo, che non aveva mai convinto fino in fondo, per regalare il primo sgarbo a Lewis Hamilton. Diciamo la verità, quando Mercedes aveva ufficializzato Valtteri Bottas, in molti avevano pensato che il suo legame con Toto Wolff come manager, che il suo carattere comunque pacato, che quella mancanza di un vero grande acuto ai tempi della Williams, lo avrebbero relegato a buon secondo in Mercedes e che la stagione 2017 sarebbe stata praticamente un monologo di Lewis Hamilton, desideroso di tornare ai vertici, dopo aver perso l'ultimo campionato.

Tanti erano stati i nomi accostati alla scuderia tedesca, a partire proprio da Alonso passando per Hulkenberg, fino addirittura a Verstappen e Vettel. Ed invece, ecco quel finlandese che zitto zitto, con uno stile di vita opposto al suo compagno di squadra, sembrava capo espiatorio.

Bottas non avrà il "physique du role" per essere personaggio, ma con il piede destro oggi ha fatto tornare qualche brutto pensiero ad Hamilton. Probabilmente il leader in campionato avrà rivisto qualche fantasma di Nico Rosberg echeggiare sul circuito di Al Sakhir. D'altronde, anche lo stesso ingegnere di pista a Shanghai lo aveva chiamato "Nico" prima di correggersi.

Stai a vedere quindi che il finlandese in futuro potrebbe essere un cliente scomodo e non un mansueto scudiero? Certo, un pochino sorprende Bottas, perchè proprio a Shanghai ne ha combinate di cotte e di crude. Doveva essere un mondiale per prime guide: Hamilton, con tanta spavalderia, si diceva contento di non dover correre da solo, ma poter invece confrontarsi bene con Sebastian Vettel e la Ferrari.

E con ogni probabilità, domani i valori in campo torneranno quelli dei primi due gran premi. Lo sa lo stesso Hamilton che comunque sorrideva e dava pacche sul casco complimentandosi con quel finlandese che aveva quasi la faccia di un bambino smarrito li sopra a tutti. Attenzione però, perchè quel Nico Valtteri proprio a Melbourne, sul finire della corsa andava più veloce di Lewis. E siamo piuttosto certi che, semmai dovesse ricapitare una situazione del genere, i sorrisi di Hamilton si tramuteranno in volti scuri, poco ma sicuro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail