La Toyota TS050 Hybrid debutta a Monza

Il prototipo che correrà le gare di Endurance del WEC ha debuttato questo weekend a Monza con ottimi risultati.

L’impegno di Toyota nel mondo del Motorsport è sempre maggiore. Da molto tempo il costruttore nipponico effettua grandi investimenti per le competizioni e quest’anno avrà due categorie di punta, una nuova, quella del Mondiale Rally WRC, e una nella quale in passato ha già colto importanti successi, il WEC. Il Campionato del Mondo Endurance è una categoria molto impegnativa dove le auto e i piloti vengono spremuti al massimo vista la lunga durata delle gare. Proprio qui Toyota ha scelto di correre nella classe regina, la LMP1, opponendosi a Porsche e alla CLM con motore Nissan del team ByKolles dopo l’abbandono di Audi. Ma vediamo ora di conoscere meglio questo campionato.

Toyota TS050 Hybrid: la tecnica

La Toyota TS050 Hybrid 2017 mantiene la stessa architettura dell’auto dello scorso anno ma, visti i nuovi regolamenti, si aggiorna in maniera importante sotto molti aspetti. L’aerodinamica è stata evoluta riducendo le dimensioni dell’estrattore posteriore e alzando lo splitter anteriore. Oltre a questo sono state modificate delle prese d’aria e delle coperture così da rendere più stabile la vettura. Le nuove regole hanno ridotto il carico aerodinamico, così i tecnici Toyota hanno sviluppato nuove soluzioni tecniche per recuperare, almeno in parte, downforce. Tutto, o quasi si concentra all’anteriore dove nuove componenti incanalano i flussi d’aria per ovviare all’innalzamento di 15 millimetri dal suolo imposto dai regolamenti.

Ciò ha portato anche alla completa riprogettazione dell’avantreno che si accompagna a un motore tutto nuovo, dal basamento alle teste. Si tratta di un V6 con bancate inclinate di 90 gradi con cilindrata di 2.4 litri. La sovralimentazione avviene tramite turbina e il sistema, come da tradizione Toyota, è ibrido e sfrutta nuove batterie al litio alleggerite abbinate a dei sistemi di recupero dell’energia estremamente evoluti. Nel caso di Toyota queste MGU sono sviluppate da Aisin per l’avantreno e da Denso per il retrotreno. La potenza, come confermatoci da Toyota, si aggira attorno ai 900 cavalli mentre il peso delle vetture è fissato dal regolamento a un minimo di 875 chili.

I piloti Toyota del WEC

Durante il prologo di Monza Toyota ci ha presentato i piloti che porteranno in gara le tre Toyota TS050 Hybrid che correranno nel campionato WEC. Due di queste saranno impegnate per tutta la stagione mentre la terza sarà impegnata solo in alcuni appuntamenti della stagione, come la 24 Ore di Le Mans. La Toyota TS050 Hybrid numero 7 sarà guidata da due esperti di endurance come Mike Conway e Kamui Kobayashi che saranno affiancati da José Maria Lopez, al debutto nel WEC dopo tre titoli mondiali ottenuti nelle ultime tre stagioni del WTCC.

La seconda auto che prenderà parte a tutto il campionato, la numero 8, sarà guidata da Sébastien Buemi, Anthony Davidson e Kazuki Nakajima. Proprio l’ex Formula 1 Buemi ci ha raccontato di quanto sia importante per Toyota il WEC e di come il team è convinto di poter ottenere ottimi risultati con le nuova auto. Questo perché già dai primi test il feeling dei piloti con la vettura è stato elevato e le prestazioni sono risultate migliori di secondi rispetto all’auto dello scorso anno.

Abbiamo intervistato sulla griglia di partenza di Monza anche Stephane Sarrazin che si metterà alla guida della Toyota TS050 Hybrid numero 9 insieme a Nicolas Lapierre e Yuji Kunimoto. Anche il francese si è definito molto soddisfatto del feeling trovato con la nuova auto e spera di riuscire a ottenere buoni risultati anche in questa stagione.

Monza: il prologo della stagione

La due giorni brianzola è terminata con Toyota al vertice della classifica. Nicolas Lapierre ha conquistato il giro più veloce di tutto il weekend a bordo della Toyota TS050 Hybrid, staccando un tempo di 1:30.547. La Toyota numero 8 è stata l’unica auto capace di scendere al di sotto del muro del minuto e 31 secondi. Dietro al francese il podio al termine dell’ultima sessione di prove della domenica è tutto Toyota. Anthony Davidson ha segnato un 1:30.809 mentre Kamui Kobayashi, con la TS050 Hybrid numero 7, è arrivato terzo con un 1:31.844 che gli ha permesso di mettersi dietro di quasi 4 decimi la Porsche 919 Hybrid di Nick Tandy.

Anche la prima giornata di test a Monza è stata un successo per Toyota. Le due Toyota TS050 Hybrid ha conquistato il miglior tempo della giornata grazie a un giro portato a termine da Mike Conway che ha fermato il cronometro a 1:31.332, rivelandosi più veloce di ben 7 decimi rispetto a Kazuki Nakajima, secondo sulla Toyota TS050 Hybrid numero 8 con 1:32.062. A sei millesimi dal giapponese Neel Jani, il più veloce dei piloti Porsche, seguito dai compagni di scuderia Brendon Hartley e André Lotterer. A pochi millesimi anche i due piloti Toyota Anthony Davidson e Nicolas Lapierre, mentre Kamui Kobayashi e Yuji Kunimoto si sono classificati rispettivamente decimo e dodicesimo nella sessione pomeridiana.

Questo prima che a Monza si scatenasse un forte acquazzone che ha portato molti team a restare nei box, lasciando Toyota e Porsche in pista sul viscido asfalto dell’autodromo monzese a contendersi il giro più veloce. Le Porsche hanno girato meno, rispettivamente 28 e 30 giri, cogliendo subito al secondo giro il miglior crono di 1:31.666 quando la pista non era ancora bagnata. Toyota ha invece piazzato le sue due vetture al terzo e quarto posto, effettuando rispettivamente 41 e 43 giri di prova.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Toyota

Toyota è una casa automobilistica giapponese, con sede nell’omonima città, nata nel settembre 1933, quando Kiichiro Toyoda decise di ampliare decise di am [...]

Tutto su Toyota →