Mazda MX-5 RF: prima prova

La Mazda MX-5 diventa anche Retractable Fastback e monta un nuovo tetto rigido richiudibile elettricamente. Prezzo, foto, video e tutte le informazioni nella nostra prima prova.

Le macchine piccole non sono fatte per me, è inutile cercare scuse. Sono alto e spesso fatico a trovare spazio all’interno delle compatte. Questa volta però sono andato a Barcellona con il sorriso stampato in faccia visto che la piccola che mi attendeva in Spagna era la nuova Mazda MX-5 RF. Rispetto alla sorella con tetto in tela le dimensioni non cambiano: mi son dovuto “stringere” per guidare la versione con hard top retrattile. Mi aspettavo davvero tanto da questa piccola sportiva della quale avevo avuto un breve, ma intenso, assaggio già con la versione soft top.

Le differenze rispetto alla sorella non sono molte: tutto si concentra nella zona del tetto. RF è infatti acronimo di Retractable Fastback, un’auto capace di offrire un’esperienza en plein air ma anche di fornire il comfort di una vettura con tetto rigido, almeno sulla carta. Il sistema di apertura è piuttosto complesso ma, a detta di Mazda, è uno dei più veloci al Mondo. In poco più di 15 secondi si può aprire, o chiudere, il tetto, trasformando l’auto da Fastback a targa.

Purtroppo il meteo spagnolo non è stato clemente e per gran parte della prova la pioggia non mi ha permesso di scappottare. Poco male però: oltre alla minore aderenza che ha evidenziato ancor di più il carattere della compatta, ciò mi ha fatto apprezzare il comfort fornito dal tetto metallico. La Mazda MX-5 RF ha un abitacolo silenzioso a, quasi, tutte le andature. Quando si viaggia in autostrada si sente qualche fruscio di troppo nella zona del tetto ma, trattandosi delle prime vetture prodotte, gli uomini Mazda mi hanno rassicurato dicendo che non saranno presenti sulle auto che saranno messe in vendita.

Premendo un tasto davanti al cambio si può assistere a una scenografica apertura del tetto: i movimenti sono fluidi e coordinati ma bisogna viaggiare davvero piano per azionarlo in movimento, al massimo a 10 chilometri all’ora. Una volta aperto il tetto il look dell’auto diventa quasi da targa. A basse andature le turbolenze all’interno dell’abitacolo sono ridotte ma basta accelerare un po’ per sentire in maniera marcata l’aria dentro l’abitacolo. Questa non è di certo la stagione adatta ma tra qualche mese, abbassando anche i finestrini e viaggiando con tranquillità, la RF potrà mettere in mostra tutta la piacevolezza di questa soluzione tecnica.

Anche l’isolamento termico è migliore rispetto al tetto in tela ma, a causa della rigidità si perde qualcosa in termini di abitabilità: se già sulla soft top dovevo inclinare la testa e scivolare il più possibile in avanti, sulla RF ho dovuto farlo ancor di più. Nella parte bassa la seduta è spaziosa e molto contenitiva grazie ai comodi sedili Recaro. Ottima anche l’abitabilità per le gambe: lo spazio, in questa zona, non manca. Anche i vani portaoggetti hanno poco da invidiare ad auto più grandi. Non essendo presenti tasche laterali Mazda ha realizzato due portaoggetti nel tunnel centrale, uno dei quali, quello posteriore, è decisamente ampio e ben sfruttabile. Di buon livello anche il bagagliaio che permette di trasportare due trolley rigidi e qualche piccola borsa morbida, davvero niente male viso che l’auto è lunga meno di 4 metri. La volumetria effettiva è di 130 litri ma aprire il bagagliaio, se non si hanno le chiavi in mano, non è semplice. Mazda ha infatti nascosto il tasto di apertura sotto al paraurti vicino alla targa e per premerlo serve andare a tentoni, sporcandosi le mani nel caso l'auto non sia perfettamente pulita.

VOTO 8 Primo Contatto

Proprio la sua compattezza, insieme al passo di 2.310 millimetri, le permette grande agilità senza però renderla eccessivamente nervosa. La MX-5 RF è stabile anche sul viscido e quando la si porta al limite, fatta eccezione per alcuni attimi di “nervosismo”, risulta comunque molto comunicativa e progressiva. Le correzioni da fare col volante sono minime vista la regolazione particolarmente diretta e reattiva dello sterzo, che però risulta leggero e facile da gestire anche in città e nelle manovre. Su strada la Retractable Fastback si è rivelata molto piacevole da guidare, divertente ma comoda. L’assetto è rigido ma non troppo: dossi e buche non si sentono eccessivamente; nonostante questo, in appoggio l’auto non si scompone in maniera eccessiva.

Merito anche del peso contenuto, solo 1.015 chili contro i 975, a vuoto, della Roadster con il 1.5 da 131 cavalli. Proprio questo motore non è niente male: consumi ridotti, prestazioni decisamente buone e un’elasticità niente male. Viaggiare nel traffico o in città sotto ai 3 mila giri non è affatto un problema: in basso questo quattro cilindri non è “vuoto”. La coppia di 150 Nm è a 4.800 giri e, già dai 4.000, il tiro di questo motore è coinvolgente. Il millecinque si lascia guidare con grande piacevolezza e in alto è anche divertente: l’ideale per chi vuole avvicinarsi al mondo delle piccole sportive.

Molto più corposo e sportivo è invece il 2.0 da 160 cavalli che ho provato in abbinata alla trasmissione automatica. Certo non si tratta di una configurazione da puristi, anche perché con questo cambio non si può avere il differenziale autobloccante, ma l’automatico ha un senso su un’auto pensata anche per il comfort e per le gite fuori porta come la RF. Se si vogliono le massime prestazioni bisogna andare altrove, il manuale è infatti più veloce di 1.2 secondi sullo 0-100 km/h, fermando il cronometro a 7.5 secondi. Proprio la trasmissione manuale è particolarmente piacevole da utilizzare: gli innesti sono contrastati ma molto ravvicinati, da vera sportiva. L’automatico è invece comodo e rilassante: ad andature blande non si sente affatto la necessità di una trasmissione più rapida e reattiva, cosa che, a dir la verità, non manca in maniera eccessiva nemmeno quando si spinge a fondo sull’acceleratore.

La Mazda MX-5 RF è già ordinabile in Italia con prezzi a partire da 28 mila euro. Gli allestimenti sono tre, Evolve Exceed e Sport, ma per avere la 2.0 Sport, con l’annesso differenziale autobloccante meccanico, serve sborsare almeno 32.850 euro. Cifre di certo non basse ma decisamente interessanti per il tipo di auto. Nel complesso la RF mi è piaciuta molto: scattante e reattiva ma anche piacevole e divertente, sia che si voglia fare una scampagnata, sia quando si ha intenzione di divertirsi davvero. Questo nonostante sia di, almeno, una “taglia” troppo piccola per me.

Listino Prezzi Mazda MX-5 RF

Scheda Tecnica Mazda MX-5 RF

  • shares
  • Mail