Citroën C3 WRC debutta al Rally di Montecarlo

Citroën ha vinto per sette volte il Rally di Montecarlo, per la nuova C3 WRC entusiasmo e aspettative alle stelle.

di re.mar.

L’attesa è finita: la Citroën C3 WRC debutterà alla tappa di Montecarlo del Campionato del Mondo Rally 2017. La nuova Citroën C3 WRC, riprogettata sulla base dell’aggiornato regolamento FIA, sarà dunque all’esordio nel rally più vecchio del mondo con due auto, affidate a due coppie: Kris Meeke/Paul Nagle e Stéphane Lefebvre/Gabin Moreau.

Come gli appassionati sanno il Rally di Montecarlo deve la sua fama alle condizioni di gara imprevedibili e perciò quando mai appassionanti. I piloti possono trovare le strade dei rilievi nel sud-est della Francia ghiacciate, bagnate, innevate o asciutte, così come possono trovarsi di fronte, nell’ambito dello stessa tappa, a un mix di queste condizioni meteo, essenziale è quindi la scelta degli pneumatici.

Per la quattro giorni dell’85esima edizione Rally di Montecarlo la partenza è prevista nella serata di domani 19 gennaio, da Monaco con risalita verso Gap con due speciali in notturna, di cui uno inedito. La seconda tappa vedrà tranche di tre prove, nell’Isère e nelle Hautes- Alpes.

Per sabato è previsto il ritorno verso Monaco con i concorrenti che saranno impegnati in cinque speciali, fino all’ultimo tappa che sarà disputata senza assistenza e che porterà gli equipaggi sul lato del Col de Turini. L’arrivo nel Principato è previsto nel primo pomeriggio di domenica 22 gennaio.

Citroën ha vinto per sette volte il Rally di Montecarlo: nel 2013 con la DS3, nel 2012 sempre con la DS3, nel 2008 con la C4, nel 2007 ancora con la C4 e poi ancora nel 2005, 2004 e 2003 con la Xsara. Ora la Citroën C3 WRC potrebbe aprire un nuovo capitolo di successi per la storia sportiva della casa automobilistica francese. L’entusiasmo è alle stelle così come elevate sono le aspettative sulle performance delle vetture e degli equipaggi.

Quale coppia di piloti si adatterà meglio alle novità? Il nuovo assetto regolamentare della C3 WRC, cui si unisce un considerevole avvicendamento di piloti, renderà tutta la stagione rally 2017 se non altro piena di sorprese. Da segnalare anche il ritorno ufficiale nei rally del team Citroën Total Abu Dhabi WRT.

Tuttavia, il team fa sapere che si resta ben saldi con i piedi per terra, prima di metterli su acceleratore e via partire per le prime crono, per capire se i due anni di lavoro spesi per mettere a punto la nuova C3 WRC sono stati all’altezza delle ambizioni di Citroën.

In quattro delle prime cinque gare dell’anno, il Total Abu Dhabi WRT schiererò soltanto due esemplari della sua C3 WRC. Gli equipaggi Kris Meeke/Paul Nagle e Stéphane Lefebvre/Gabin Moreau dovranno conquistare punti per il Campionato del Mondo Costruttori. Craig Breen e Scott Martin saranno a bordo di un’auto della precedente generazione, a caccia di punti per la classifica piloti.

“Come sempre all’inizio di un programma ci sembra che qualche giorno in più sarebbe stato utile per completare lo sviluppo dell’auto. Il planning di gestazione della C3 WRC è stato il più breve della storia di Citroën Racing, ed è importante sottolineare lo straordinario impegno delle nostre squadre in questi ultimi mesi. Allo stesso tempo abbiamo bisogno di capire a che punto siamo. Fa parte del nostro DNA competitivo. L’auto sembra ben riuscita e tecnicamente omogenea, ma è necessario confrontarla con le rivali. I nostri equipaggi useranno due approcci diversi. Kris ha dimostrato lo scorso anno di avere i numeri per vincere questo rally. Ma c’è differenza tra una sessione di prove, portate avanti per un’intera giornata, e quattro giorni di rally con due passaggi di ricognizione. A inizio gara si dovrà essere cauti, per osservare la concorrenza e conservare le forze per l’intero rally. Per Stéphane invece sarà diverso. Come Craig, vogliamo portarlo a battersi per la vittoria. Ma prima è necessario un periodo di apprendimento, in particolare durante la prima metà della stagione. Occorrerà un piazzamento per conquistare l’arrivo. In partenza abbiamo solo due auto, e questo significa che non abbiamo a disposizione il jolly”

spiega con una punta di comprensibile ansia Yves Matton, direttore di Citroën Racing.

Ultime notizie su Citroën

Tutto su Citroën →