Dieselgate: Renault sotto accusa si difende, “Rispettiamo le leggi”

Dieselgate Renault: la giustizia francese apre una inchiesta sulla regolarità delle emissioni dei motori diesel della Régie, che si difende: “rispettiamo tutte le leggi”

Dieselgate Renault – La giustizia francese indaga sulla regolarità dei dispositivi utilizzati da Renault per contenere le emissioni inquinanti dei suoi motori diesel. Rilanciata in mattinata dalla stampa francese la comunicazione fornita dalla procura di Parigi, secondo la la quale un fascicolo giudiziario è stato aperto a carico della casa transalpina il 12 gennaio scorso. Dunque, meno di 24 ore dopo l’apertura del fronte legale che impegnerà nei prossimi mesi FCA ed EPA degli Stati Uniti, un ulteriore scossone che agita la scena automobilistica, in attesa comunque di certezze sulla portata effettiva delle contestazioni.

Nel tardo pomeriggio, la risposta di Renault, in una nota ufficiale pubblicata sul suo sito internet: “Pur non avendo potuto ancora averne conferma ufficiale, il gruppo Renault prende atto dell’apertura di un fascicolo giudiziario. Renault rispetta la legislazione francese ed europea. I veicoli Renault sono sempre stati omologati conformemente alla legge e alle regolamentazioni. Sono conformi alle norme in vigore. I veicoli Renault non sono equipaggiati di software di frode ai dispositivi anti-inquinamento”.

A questo è seguito un tweet sul canale @Groupe_Renault con una dichiarazione pubblica di Carlos Ghosn:

Da segnalare come l’indagine sia scaturita dall’iniziativa delle autorità di Parigi, che hanno interpellato la Direzione generale per la concorrenza, i consumi e la lotta anti-frode (DGCCRF) di indagare sul diesel di una dozzina di firme automobilistiche, tra cui, appunto, Renault. Risalgono ad esattamente un anno fa le perquisizioni della DGCCCRF nel quartier generale di Renault e degli altri costruttori finiti sotto osservazione.

Il Ministero dell’Economia francese ha poi deciso di trasmettere quei risultati alla giustizia incaricandola di decidere sul seguito. La procura poteva sia archiviare sia chiedere l’apertura di un fascicolo giudiziario. Gli elementi a disposizione hanno evidentemente indotto i giudici a propendere per la seconda opzione.

Riportiamo infine il comunicato stampa di Renault Italia:

Con un comunicato congiunto in data 9 novembre 2016, i Ministri francesi dell’Economia e dell’Industria avevano annunciato che la DGCCRF aveva concluso le indagini relative ai motori Renault e trasmesso il verbale delle conclusioni alla Procura di Nanterre, che ha trasmesso a sua volta l’incartamento alla Procura di Parigi, foro inter-regionale competente in tema di consumi.

Il Gruppo Renault prende atto, senza tuttavia aver potuto, in questa fase, ottenerne la conferma ufficiale, dell’apertura di un’istruttoria giudiziaria per «inganno sulle qualità sostanziali e i controlli effettuati, con la particolarità che i fatti hanno avuto come conseguenza di rendere la merce pericolosa per la salute umana o animale». Questa nuova tappa della procedura sembra indicare l’intenzione della Procura di proseguire le indagini.

A tale proposito, il Gruppo Renault, che intende far valere i suoi diritti, ricorda la sua costante posizione: 1- Renault rispetta la legislazione francese ed europea. 2- Tutti i veicoli Renault sono sempre stati omologati in conformità con la legge e le normative e sono conformi alle norme vigenti. 3- I veicoli Renault non sono equipaggiati con software di frode antinquinamento. 4- Gli Stati, la Commissione europea, le autorità regolatrici e i costruttori automobilistici sono unanimi nel constatare la necessità di rafforzare le esigenze della normativa vigente. È questo l’obiettivo della futura norma Euro6d.

Il Gruppo Renault ricorda che ha presentato al collegio della commissione tecnica indipendente, nel mese di marzo 2016, un piano completo di riduzione delle emissioni di ossido di azoto (NOx) dei suoi veicoli diesel Euro 6b in uso presso i clienti, che è stato considerato trasparente, soddisfacente e credibile.

Ultime notizie su Renault

Renault viene fondata nel 1899 e la sua storia inizia da una banalissima festa. Louis Renault e suo fratello Marcel partecipano ad un evento sulle colline [...]

Tutto su Renault →