Google e Fiat, dal 2017 le prime auto a guida semi-autonoma?

Filtrano indiscrezioni su un servizio di ride-sharing pronto per il debutto entro 12 mesi, ma le aziende non commentano

2017-chrysler-pacifica_100541887_h.jpg

Sembra che Fiat e Google potrebbero essere pronte a collaborare per creare una flotta di auto a guida semi-autonoma. L'obbiettivo sarebbe quello di offrire servizi di trasporto in alcune città degli States entro la fine del 2017. Questa l'indiscrezione raccolta da Bloomberg, che entrambe le aziende hanno finora deciso di non commentare.

Come anticipatovi, Google ha deciso di cambiare passo e separare le proprie attività relative alla guida autonoma, non più affidandole agli X Labs, ma ad una divisione separata chiamata Waymo, guidata dall'ex numero uno di Hyundai John Krafcik. Proprio Krafcik ha dichiarato: “Il prossimo passo sarà il ride sharing, lasciar utilizzare ai clienti le nostre vetture nei percorsi di ogni giorno verso il lavoro, oppure offrirgli un'alternativa sicura per tornare a casa dopo una serata passata in un locale”. Sulla scelta strategica, John Krafcik sembra non avere dubbi “Fiat Chrysler è stato un ottimo partner” ha ricordato martedì scorso durante un evento a San Francisco.

Da qui in poi considerazioni sulla fattibilità concreta del progetto. Per avviare un servizio al minimo dello standard, Google avrà bisogno di almeno 100 esemplari della nuova Chrysler Pacifica Hybrid, per altro il primo modello a doppia motorizzazione mai presentato dal gruppo FCA e per il quale nelle scorse settimane c'è stato il via libera alla commercializzazione negli States, con numeri di produzione ancora tutti da conoscere.

Della stessa monovolume, sembra che FCA si stia preparando a presentare in gennaio una versione completamente elettrica in concomitanza con il CES, il salone dell'elettronica di Las Vegas. Google finora non si è mai voluta legare ad un singolo costruttore automobilistico, non abbandonando affatto l'idea di realizzare una propria vettura a guida autonoma. Le fonti raccolte da Bloomberg parlano poi di esemplari equipaggiati con tecnologia di guida "Semi-autonoma", e anche su questa definizione ci sarà spazio per i chiarimenti.

  • shares
  • Mail