Ravenna: via gli autovelox, arrivano le rotatorie

Finalmente una proposta per migliorare la sicurezza senza metter mano alle tasche degli automobilisti.

precedenza-in-rotonda-codice-della-strada.jpg

Ravenna - Quando si parla di migliorare la sicurezza sulle strade, gli automobilisti col piede pesante iniziano a toccare ferro: nella stragrande maggioranza dei casi, infatti, si tratta di nuovi autovelox che aumentano si la sicurezza, ma a danno del portafogli.

Da parte dell'Amministrazione Provinciale di Ravenna, arriva però una proposta che di questi tempi ha del clamoroso: dopo aver colpito migliaia di automobilisti, ed aver portato nelle casse del comune quasi 5 milioni di euro in un anno, i due impianti autovelox installati sulla strada provinciale San Vitale fra Russi e Ravenna saranno sostituiti da due rotatorie.

E' quanto emerso da uno degli ultimi provvedimenti dell'amministrazione provinciale che ha deliberato, nel tratto della San Vitale, dalla rotonda di Godo a quella prima della città di Russi con diramazioni dirette a Faenza, Bagnacavallo e Piangipane, l'aggiunta di altre due rotatorie: ben quattro in poco meno di dieci chilometri.

Con tutti questi stop&go è più difficile che venga voglia di correre e certamente si risolveranno i pericoli derivati dagli attraversamenti a raso, ponendo in sicurezza un tratto di strada pericoloso soprattutto per il numero di veicoli in transito giornaliero e per  l’elevata velocità degli stessi, ma l’ente provinciale, suo malgrado, dovrà rinunciare al consistente introito. Purtroppo c'è anche il rovescio della medaglia: i due impianti saranno collocati in altri punti critici individuati dalla Provincia ed approvati dalla Prefettura.

  • shares
  • Mail