Autovelox: follie al volante a Milano

Sulle strade a scorrimento veloce, diversi veicoli sono stati immortalati a velocità folli.

A Milano è stata stilata una classifica delle peggiori follie immortalate dagli autovelox. Il primato spetta ad un automobilista che sfrecciava a 226 km/h in via Palmanova, dove il limite è di 70, ma sono tanti i piloti improvvisati che, sfidando la legge ed il buonsenso, sono stati immortalati dagli autovelox mentre superavano il limite di oltre 60 km/h. Ciò comporta, lo ricordiamo, una sanzione pecuniaria tra 779 e 3.119 euro, con la decurtazione di 10 punti e la sanzione accessoria della sospensione della patente da sei a dodici mesi. In caso di recidiva in un biennio è disposta la revoca della patente di guida.

Come riporta IlGiorno, quello di via Palmanova riguarda solo il primato nella speciale classifica degli eccessi di velocità registrati sulle strade di Milano dove sono installati gli occhi elettronici. Al secondo posto si piazza un automobilista pizzicato a 197 km/h sul cavalcavia del Ghisallo, dove il limite è di 70 km/h, all’una e trenta di notte, quando le sanzioni aumentano di un terzo. Il terzo gradino del podio è occupato dal guidatore di un’auto che è sfrecciata a 179 chilometri orari sul cavalcavia Monteceneri-Serra. Anche su questo tratto di strada il limite è di 70 km/h, ma stavolta la grave infrazione è avvenuta all’ora di pranzo.

Scendendo dal “podio” troviamo un SUV immortalato alle 4 del mattino a 173 km/h, in via della Chiesa Rossa, dove però il limite è di 50 km/h. In questo caso il limite è stato superato di 123 km/h: chi era al volante avrà pure il piede pesante, ma decisamente poco buon senso.

Ultime notizie su Sicurezza

Sicurezza

Tutto su Sicurezza →