Nissan: il Fuel Cell a bioetanolo

E' il primo veicolo al Mondo a utilizzare un sistema Fuel Cell a Ossidi Solidi

Negli scorsi mesi Nissan aveva annunciato l'arrivo di una nuova vettura Fuel Cell a bioetanolo che è stata appena presentata a Rio de Janeiro, in occasione delle Olimpiadi. Si tratta di un'evoluzione del van Nissan e-NV200 al quale è stato modificato il powertrain per lasciare spazio ad un sistema Fuel Cell innovativo.

Ad alimentare il SOFC, il sistema Fuel Cell a ossidi solidi, c'è un serbatoio da 30 litri di bioetanolo che viene trasformato in idrogeno per poi generare energia elettrica per il propulsore. L'elettricità si immagazzina così in una batteria da 24 kWh e il Nissan e-NV200 ha così un'autonomia superiore ai 600 chilometri. La produzione del bioetanolo può essere totalmente vegetale e permette praticamente di azzerare totalmente le emissioni di CO2.

Vista la diffusione del bioetanolo in gran parte del Mondo, Europa compresa, il nuovo sistema a ossidi solidi di Nissan potrebbe rappresentare una tecnologia importante ed estremamente interessante per i futuri veicoli a basso, o quasi nullo, impatto ambientale.

  • shares
  • Mail