Street control: il sacchetto copritarga non funziona...

E' una guerra che va avanti a colpi d'ingegno quella tra Comune ed automobilisti di Sanremo.

copritarga.jpg

Lo scorso febbraio il comune di Sanremo ha annunciato l'intenzione di 'migliorare la mobilità urbana' dando in dotazione alla Polizia Municipale lo Street Control, creando il panico tra gli automobilisti sanremesi non in regola con la legge che da allora si sono visti notificare una media di 900 contravvenzioni al mese.

Ricordiamo che lo Street Control è quell'apparecchio che, montato sul tetto della vettura di servizio, fornisce agli agenti informazioni riguardanti la regolarità della sosta, lo stato di revisione del veicolo, se è o meno assicurato, oppure se risulta essere addirittura rubato.

Da allora, sfoggiando quella creatività tutta tricolore tanto famosa all'estero, si sono moltiplicate le 'soluzioni' per poter parcheggiare in maniera creativa senza che l'occhio elettronico se ne accorga. C'è chi ha pensato di tenere il portellone posteriore alzato, in modo da oscurare la targa. Il trucco, diventato subito virale, è stato però notato dalla Polizia che ha 'reagito' montando al contrario lo Street Control sulle loro auto, in modo da poter riprendere le targhe anteriori dei veicolo, fissate come sappiamo sui paraurti.

L'ultima trovata è stata quella di oscurare la targa appendendo un normalissimo sacchetto di plastica al tergicristallo posteriore dell'auto, come riporta Sanremonews, dal quale arriva anche l'immagine.

Peccato che al successivo controllo manuale, reso ora possibile grazie ad un app installata sugli smartphone in dotazione, agli agenti è bastato sollevare il sacchetto per scoprire l'inganno. Una guerra quotidiana insomma, che vede da una parte l'ingegno o la semplice indisciplina degli automobilisti e dall'altra un corpo di Polizia che ha strumenti sempre più efficaci per far rispettare il codice della strada.

 

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: