Ticket strisce blu scaduto: multa annullata a Treviso

La spiegazione dell'avvocato: "La multa può essere comminata solamente dove la sosta è con disco orario"

strisce_blu_parcheggio

Multa ticket strisce blu – Già qualche mese fa era arrivata una sentenza simile, quella emessa a Treviso ne è un’ulteriore conferma: non è valida la multa comminata a chi sosta sulle strisce blu con il ticket scaduto. Può essere richiesto solamente il pagamento della differenza tra il periodo di parcheggio pagato ed il tempo in cui la vettura è rimasta parcheggiata a ticket scaduto.

L’ultimo caso è arrivato, come riporta Il Gazzettino, dal Tribunale di Treviso, dove il giudice ha annullato la sanzione, notificata l’1 luglio 2013 ad un commercialista di Castelfranco. Quest’ultimo ha parcheggiato, pagato il regolare parcheggio, ma ha lasciato la propria auto in sosta per mezz’ora oltre l’orario segnato sul ticket. Dopo qualche giorno, gli è arrivata una multa di 41 euro.

Il commercialista ha fatto ricorso e, dopo poco meno di tre anni, l’ha vinto, appunto con la sentenza dello scorso 21 aprile del tribunale della città veneta. “La multa può essere comminata solamente dove la sosta è con disco orario – ha spiegato l’avvocato dell’automobilista – Nessuna norma prevede una sanzione quando la sosta è libera, seppure soggetta a pagamento”.

  • shares
  • Mail