Fiat Tipo 5 porte: primo contatto

Concreta e senza fronzoli a 12.750 euro: è questa la chiave del successo?

Fiat Tipo – Tagliare il superfluo vuol dire diventare low cost? Al Lingotto pensano proprio di no. E con le nuove Tipo ce lo hanno dimostrato. Vetture senza fronzoli pensate per chi ha bisogno di un’automobile “vera”, con tutto quello che oggi riteniamo necessario, spendendo meglio i propri soldi.

Due allestimenti per nulla spartani e quattro motorizzazioni: una gamma semplice per una vettura che punta al sodo. Questa è la nuova Fiat Tipo 5 porte, un’auto che con un finanziamento da 12.750 euro offre cinque posti, climatizzatore, sensori di parcheggio, radio cd/mp3, i cerchi in lega, senza dimenticare il bluetooth vivavoce. In questo caso l’allestimento si chiama “Easy“. Per chi vuole qualcosa in più c’è la Fiat Tipo Lounge con clima automatico, impianto di infotainment con schermo da 7 pollici, cruise control e cerchi da 17 pollici.

Anche la gamma motori è ben strutturata e adatta al “tipo” di auto. I tagli di potenza sono due, 95 o 120 cavalli, benzina, diesel o bifuel, con la GPL che sarà ordinabile già dal weekend porte aperte del 14 e 15 maggio. Il prezzo d’attacco si riferisce alla Fiat Tipo 1.4 benzina da 95 cavalli, con l’offerta diesel che parte dai 18.900 euro della Fiat Tipo 1.3 MultiJet 95 cavalli ed arriva ai 20.100 euro della Fiat Tipo 1.6 Multijet da 120 cavalli.

[rating title=”Voto” value=”8.5″ value_title=”Primo Contatto” layout=”left”]Nelle scorse settimane avevo già analizzato a fondo i listini della nuova Tipo, immaginando il tipo di vettura che sarei andato a provare. Non appena sono salito sulla nuova cinque porte in versioni Lounge le mie convinzioni sono andate in frantumi. Mi sono trovato davanti ad un’auto tutt’altro che semplice, con particolari sicuramente non di lusso ma che per certi versi risultano migliori a quelle di concorrenti dai listini ben più elevati. Le finiture non sono sfarzose ma tutt’altro che povere: la plancia è ricoperta con una plastica morbida e le portiere hanno dei rivestimenti “furbi” in tessuto nei punti a contatto con i passeggeri. La sensazione è positiva, e non è certo quella da “low cost”.

Lo spazio a bordo non manca: l’abitacolo è largo e si viaggia piuttosto comodi nei 4.37 metri della hatchback. Dietro, il divano consente di viaggiare in quattro ma anche in cinque a patto di stringersi un po’. Diversi vani permettono di sistemare tutti gli oggetti d’uso quotidiano, anche se in questo caso avrei preferito uno spazio più grande davanti alla leva del cambio per appoggiare lo smartphone, che ormai hanno dimensioni attorno ai 5″. Proprio i telefoni sono collegabili al sistema multimediale Uconnect tramite Apple CarPlay e Android Auto. Ho provato rapidamente l’app Uconnect per Android: a prima vista intuitiva e ricca di funzioni, mi riservo un test più dettagliato in futuro. Buono l’impianto audio (c’è anche il DAB), con una risposta in termini di pulizia di suono difficilmente riscontrabile in vetture della concorrenza.

La plancia è ordinata e razionale: tutte le funzioni dell’auto sono facilmente accessibili dal guidatore. Trovare una posizione di guida comoda non è difficile, soprattutto per merito del piantone dello sterzo che offre grandi possibilità di regolazione a due vie. Anche il quadro strumenti è ben strutturato, facile da leggere e con una grafica piacevole. Passando alla coda dell’auto, particolare che differenzia i tre modelli della Fiat Tipo, ho trovato un bagagliaio capiente e ben rifinito. Di spazio ce n’è davvero tanto, 440 litri, la soglia di carico non è eccessivamente alta ed il vano è ben sfruttabile.

Su strada la Fiat Tipo 5 porte si lascia guidare piacevolmente. Facile e sicura ha una buona tenuta di strada e prestazioni niente male. Ho provato un esemplare con il 1.6 a gasolio da 120 cavalli, trovandolo pronto e reattivo fin dai regimi più bassi. Anche nelle marce alte il motore non sussulta e le accelerazioni sono convincenti, così come le riprese, a patto di avere innestato il rapporto giusto. Il cambio a sei marce è ben spaziato, facile da usare ed abbinato ad una frizione leggera.

L’assetto non è né troppo morbido né troppo rigido: supporta bene l’auto in curva ma non la rende affatto scomoda nemmeno sullo sconnesso. Buona anche la frenata, così come la silenziosità della vettura. Il rumore del motore si sente solo a velocità elevata mentre i fruscii aerodinamici sono pochi. Più che dei difetti veri e propri ho notato dei piccoli particolari che potrebbero essere migliorati. Il design della plancia, ad esempio, rende per i più alti scomodo il punto d’appoggio per il ginocchio destro del guidatore, mentre i sedili hanno poi un sistema di regolazione a “scatti” che non risulta preciso quando si cerca la posizione di guida.

Si tratta di osservazioni che passano immediatamente in secondo piano non appena si pensa al costo della Tipo. Il voto che ho assegnato è quindi in gran parte dovuto al rapporto tra listino prezzi e contenuti della vettura, che in questo preciso momento pare imbattibile. Sulla Fiat Tipo 5 porte c’è tutto, ma davvero tutto, ciò che serve nella vita quotidiana, ad un prezzo “low cost”.

La Fiat Tipo 5 porte non è una Low Cost: è un’auto pensata non per spendere meno, ma per spendere meglio.

Fiat Tipo 5 Porte: Listino Prezzi

Fiat Tipo 5 Porte: Scheda Tecnica

Ultime notizie su Test Drive

Tutto su Test Drive →