Apple iCar: arriva il no da BMW e Daimler

Divergenze strategiche alla base del rifiuto delle due case tedesche, ora Cupertino sta cercando di convincere la canadese Magna

Apple

Apple iCar – Un doppio no per Apple e la sua iCar. Prima da parte di BMW e poi da parte del gruppo Daimler, così Cupertino dovrà andare nuovamente a caccia di un partner per realizzare la propria automobile. A questo proposito sono iniziati i contatti con la canadese Magna, che controlla Magna Steyr AG, azienda austriaca costruttrice di auto per terzi, tra cui proprio Mercedes e BMW.

E’ quanto riferito dal quotidiano tedesco Handelsblatt, il quale riporta anche i motivi del rifiuto della collaborazione da parte dei due marchi. Si parla principalmente di divergenze strategiche: Apple vorrebbe una vettura strettamente legata al proprio sistema di Cloud, mentre le due case tedesche ritengono un elemento chiave della loro strategia la protezione dei dati dei clienti.

Più in generale, però, la base della divergenza sarebbe dovuta a quale delle due parti avrà la direzione del progetto e, soprattutto, su quale società avrà il controllo dei dati. I colloqui con BMW sarebbero terminati già nello scorso anno, mentre quelli con Daimler molto più recentemente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: