Frenata automatica d'emergenza: standard negli Usa dal 2022

Firmato un accordo da 20 case, la frenata automatica negli States sarà uno standard dal 2022.

La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) e l'Insurance Institute for Highway Safety (IIHS) due istituzioni per quanto riguarda le auto negli Usa, hanno annunciato pochi giorni fa che 20 case si sono accordate riguardo al sistema di frenata automatica d'emergenza (AEB, automatic emergency braking) che ha partire dal primo settembre del 2022 diventerà uno standard per la quasi totalità (99% secondo il comunicato ufficiale), delle auto presenti sul mercato degli States.

NHTSA da tempo parla dell'AEB, ovvero la tecnologia che consente all'auto d'intervenire con una frenata immediata e automatica in caso di collisione, come un vero e proprio passo in avanti per quanto riguarda la sicurezza, anche se da poco questo sistema si è diffuso su larga scala. Utilizzando i propri sensori, l'auto con l'AEB è in grado di prevenire le collisioni con auto, pedoni o qualsiasi altro tipo d'oggetto, anche se chi è al volante non compie nessun azione. La freanta automatica aveva fatto la sua comparsa su auto di lusso una decina di anni fa, Ford era stato uno dei primi brand ad inserirlo su vetture più accessibili, al momento è difficile trovare un'utilitaria che ne sia dotata, ma a quanto pare nel futuro le cose cambieranno.

frenata-automatica.jpg

La frenata automatica, assieme all'assistente per il mantenimento della corsia e il cruise contro adattivo, sono considerati come gli strumenti che daranno vita in futuro all'auto a guida automatizzata. C'è da considerare che questo è un semplice accordo, senza rilevanza legale, Consumer Reports è stata scelta per monitorare lo sviluppo di questa tecnologia, con un costume un po' inusuale secondo cui un soggetto privato segue un pubblico accorto tra aziende. Il patto prevede anche gli automezzi di grosse dimensioni tra i 3.800 e i 4.500 chilogrammi, che saranno equipaggiati per la maggior parte con AEB entro il 2025.

  • shares
  • Mail