Seat Ibiza Cupra 1.8 TSI: primo contatto su strada

Seat Ibiza Cupra - 192 cavalli da mettere alla frusta e una strada di montagna chiusa appositamente dalla Polizia: cosa c'è di meglio per una prova su strada? Il nostro primo contatto con la nuova Seat Ibiza Cupra è stato proprio così, sulle montagne a nord di Barcellona dove abbiamo potuto scatenare tutta la potenza della piccola sportiva in totale sicurezza.

VOTO 8 Primo contatto
Il 1.4 TSI Twincharged è andato in pensione, lasciando spazio ad un più performante e corposo 1.8 TSI. La nuova Seat Ibiza Cupra va davvero forte: i 192 cavalli tra i 4.300 ed i 6.200 giri ed i 320 Nm disponibili con continuità tra i 1.420 ed i 4.200 giri si scatenano ad ogni curva. Rispetto alle concorrenti la cubatura maggiore del motore si fa sentire: più corposo ed elastico, il 1.8 è davvero infinito nella spinta e rende la guida estremamente coinvolgente, con una maggiore sensazione d’accelerazione. Finito il tratto di strada chiusa dove tra curve e controcurve abbiamo cercato di pennellare traiettorie da pista, abbiamo iniziato a viaggiare più tranquillamente sfruttando il motore a regimi bassi grazie alle sue ottime doti di elasticità. Proprio in queste fasi il motore sfrutta il sistema a doppia alimentazione FSI e MPI, passando dalla prima, dedicata alla guida sportiva, alla seconda per ridurre i consumi nelle fasi di basso carico.

Non così bello il sound. I due piccoli scarichi incorniciati dalla grande cromatura posteriore non fanno sentire la propria voce e Seat è dovuta ricorrere ad un ausilio elettronico per enfatizzare il suono dell’auto. Le casse generano un rumore cupo che però alla lunga diventa fastidioso, peccato. Tra le curve delle montagne iberiche abbiamo potuto apprezzare anche il nuovo sei marce manuale che sostituisce, e rimarrà come unica opzione anche per il futuro, il precedente automatico doppia frizione DSG. Una scelta fatta per gli appassionati: il cambio manuale è più emozionante e rende la vettura più coinvolgente. Gli innesti sono un po' lunghi ma il cambio è preciso, la frizione è piuttosto morbida, e la rapportatura consente prestazioni d'ottimo livello. La Seat Ibiza Cupra 2016 riesce a scattare da 0 a 100 chilometri orari in 6.7 secondi e si spinge ad una velocità massima di 235 chilometri all’ora.

Sull'asfalto di montagna, a tratti sporco ed imperfetto, la trazione anteriore in alcuni casi ha faticato a mettere a terra tutta l’esuberanza del 1.8 Turbo. Proprio in questi casi interviene il differenziale elettronico XDS che, agendo sull’impianto frenante, simula il funzionamento di un differenziale autobloccante. La posizione di guida non è delle più sportive nonostante i sedili siano molto profilati e contenitivi che hanno svolto bene il loro lavoro anche sulle curve più veloci. La sensazione di avvolgimento si abbina però ad una seduta che, nel nostro caso, si è sembrata scomoda, soprattutto per la schiena. Nonostante l’elevata rigidità l’assetto non è eccessivamente duro e permette una guida confortevole enfatizzando al contempo la dinamica.

Tra le curve delle montagne a nord di Barcellona abbiamo notato una grande semplicità di guida. La Seat Ibiza Cupra è un’auto facile ma divertente, a patto di non esagerare. Anche il pedale del freno risulta ben dosabile nonostante i primi millimetri di corsa diano una sensazione di rigidità: sembra quasi che il pedale sia bloccato. Proprio l’impianto frenante è di ottimo livello: anche nella guida più spinta in discesa i quattro dischi autoventilati non hanno dato alcun segno di affaticamento nonostante venissero spesso chiamati in causa anche dal differenziale elettronico. Proprio l’XDS lavora moltissimo su questa vettura migliorando notevolmente la stabilità in curva e permettendo migliore trazione. Inevitabilmente però la guida risulta più filtrata e meno pura, sensazioni che si percepiscono anche dallo sterzo che, pur essendo preciso e progressivo, isola molto il guidatore dalla strada e si rivela anche piuttosto morbido trattandosi di una sportiva.

L’aspetto tecnologico è infine una delle più importanti novità della Cupra 2016. Seat ha infatti dotato la vettura del nuovo sistema Seat Full Link che permette di utilizzare i vari smartphone direttamente dallo schermo sulla plancia grazie ai sistemi Android Auto, Apple CarPlay e MirrorLink. Oltre a questo sono disponibili diverse App realizzate insieme a Samsung tramite le quali si può migliorare l’esperienza di guida e rimanere sempre connessi con i propri social network. La tecnologia è anche a servizio della guida sportiva. Grazie al Drive Profile Cupra si possono sfruttare al meglio le sospensioni adattive che agiscono su un avantreno con ruote indipendenti di architettura McPherson e su un retrotreno a ruote interconnesse. Oltre alla taratura delle sospensioni il sistema modifica anche la prontezza della vettura regolando, tra le altre cose, anche il servosterzo elettroidraulico.

La Seat Ibiza Cupra si presenta così nella sua massima evoluzione: più comoda, fruibile e performante del passato è molto divertente da guidare sia quando ci si vuole divertire, sia sulle strade di tutti i giorni.

  • shares
  • Mail