Omicidio stradale: la norma entro fine anno?

La legge venne modificata durante il passaggio al Senato, quando furono votati a larga maggioranza due emendamenti. Da qui la necessità di rivotarla.

Un'immagine di Roberto Nencini

Entro la fine del 2015 avremo la norma che parla di omicidio stradale anche in Italia”. Lo annuncia Riccardo Nencini, viceministro per le Infrastrutture e segretario del Psi, secondo cui la proposta di legge “va in aula alla Camera il 21 ottobre” e da lì dovrà poi tornare al Senato. Il disegno di legge fu approvato a Palazzo Madama lo scorso 11 giugno e venne modificato in alcuni suoi punti, ragion per cui deve ora tornare alla Camera.

Le principali modifiche erano contenute in due emendamenti ai quali il governo si era opposto, votate però dal Senato con un ampio margine. Il primo - leggiamo su Il Post - ha ottenuto 189 sì e sopprime la parte che puniva da sette a dieci anni anche chi commetteva il delitto, per colpa, «a seguito di manovra di inversione del senso di marcia in prossimità o in corrispondenza di intersezioni, curve o dossi o a seguito di sorpasso di un altro mezzo in corrispondenza di un attraversamento pedonale o di linea continua. Il secondo è stato votato da 172 parlamentari e cancella la parte che puniva da 7 a 10 anni anche chi commetteva il reato, sempre per colpa, passando con il rosso o circolando contromano. Il reato di omicidio stradale determina la reclusione da un minimo di 8 a un massimo di 12 anni, da scontare nel caso in cui si procuri la morte guidando una vettura o pilotando un natante in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di droghe.

La pena raggiunge i 18 anni nel qual caso vengano uccise una o più persone, ed aumenta di un ulteriore terzo qualora il conducente fugga dalla scena. L'omicidio stradale viene sancito anche in assenza di droga o alcol, ma in questo caso la pena varia fra 7 e 10 anni. Il colpevole sarà inoltre privato della patente fino ad un massimo di 30 anni, ma tale sanzione accessoria è modulata a seconda delle fattispecie.

Foto | La Nazione

  • shares
  • Mail