L'appassionato che ha restaurato la BMW di Ritorno al Futuro II

L'automobile è stata messa in vendita nel 2004 ed ha necessitato di un profondo restauro, necessario per ricreare componenti mancanti.

L’automobile più rappresentativa della saga Ritorno al Futuro è senz’altro la DeLorean DMC-12. Per questo motivo sono in pochi a ricordarsi della BMW 633CSi guidata da Biff Tannen, interpretato da Thomas Francis Wilson, che sottopone a continue angherie e prepotenze il più riservato George McFly. La sportiva bavarese era presente nel secondo capitolo della trilogia, modificata dal padre Biff e resa fedele al carattere di un personaggio incline al bullismo e di indole meschina e collerica.

Quell’automobile è tornata alle condizioni originali grazie al lavoro di un appassionato statunitense, originario del Connecticut, che ha prima acquistato e poi restaurato completamente uno degli esemplari utilizzati durante le riprese del film. La storia di Jeff Chabotte è raccontata dal sito The Aficionauto. Scopriamo in tal modo che la sportiva venne proposta a Chabotte nel 2004. Si trovava in Georgia, risale al 1976 ed è pertanto uno dei circa 400 esemplari assemblati nel primo anno di commercializzazione. Ha specifiche europee, era di colore grigio e fu venduta con circa 100.000 chilometri all’attivo.

Jeff impiegò circa un mese prima di recuperare tutti i pezzi mancanti, sostituire gli interni, riparare la carrozzeria, costruire le parti irrintracciabili e terminare la verniciatura. La prima apparizione pubblica risale al febbraio 2005, dopo la quale Jeff ha migliorato ancora il telaietto della capote e modificato l’alloggiamento dei vetri laterali. Tre pneumatici sono originali, come originale è anche il fanale posteriore destro: Biff Tannen lo ruppe durante una scena del film

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: