Multe: la procedura per comunicare l'identità via PEC

Vittima del fraintendimento è un automobilista del reggiano, colpevole di un errore a molti (tutti?) non chiaro.

La reazione dopo una multa

Il Governo Italiano descrive la Posta Elettronica Certifica (PEC) quale strumento gratuito che consente ai cittadini di dialogare con le Pubbliche Amministrazioni. Venne introdotta al suono di mille fanfare, e permette di assegnare ad una email lo stesso valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento tradizionale. Peccato che ancora oggi non sia un dispositivo affidabile. Lo dimostra una vicenda raccontata da Valerio Staffelli e ripresa dai nostri amici di motoblog.

Vittima è un automobilista residente nella provincia di Reggio Emilia, multato dalla Polizia Municipale di Venezia per aver commesso due infrazioni. L’uomo salda il debito con la giustizia ed invia al Comune della Serenissima il bollettino ed i suoi dati. La procedura è corretta, ma lo sfortunato automobilista commette un errore: compila i moduli prestampati, li scannerizza e li spedisce in allegato all’indirizzo mail consigliato. Sembra assurdo, ma gli agenti ravvisano difficoltà ad aprire il file e pertanto elevano una terza multa all’automobilista: l’uomo deve pagare 1.000 euro in quanto la Polizia non è riuscita ad aprire l’allegato, il cui formato non era supportato dal computer.

La vicenda lascia sgomenti. Possiamo tuttavia considerarla un unicum, dal momento che è palese l’inefficienza della Pubblica Amministrazione. Giuseppe – questo il nome dell’automobilista – presenta ricorso e viene sconfitto. Ahilui non sapeva che la PEC non certifica il contenuto degli allegati, bensì solo quello riportato nel corpo della mail: l’errore degli agenti in questo caso è evidente, ma l’automobilista era comunque in errore. Il sito La Legge Per Tutti consiglia pertanto di comportarsi in questa maniera:

se proprio volete inviare un file, abbiate cura di “copiare e incollare” il relativo testo nel corpo dell’email certificata. Va bene pure il modulo prestampato della polizia in allegato, ma abbiate cura – cosa certamente più importante – di scrivere il contenuto essenziale nella Pec

Foto | Eduardo Cuducos

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: