BMW Concept M4 GTS: foto ed info ufficiali [Video]

Come da tradizione, anticipa forme e contenuti tecnici del modello di produzione che sarà presentato entro fine 2015.

Ad un anno di distanza dal lancio della nuova M4 Coupè, BMW toglie i veli al “prototipo” della sua versione più estrema, la Concept M4 GTS. Si tratta di una vettura pensata per uso stradale e, soprattutto, per quello su tracciato: ne deriverà un modello di produzione che raccoglierà l’eredità di BMW ormai mitiche, come la M3 Evolution (1988), la M3 Sport Evolution (1990), la M3 GT (1995), la splendida M3 CSL (2003), la M3 GTS (2010) e la BMW M3 CRT (2011).

Come per le sue illustri progenitrici, anche la GTS si caratterizzerà per un’impostazione più specialistica rispetto alle altre M4: una ricetta fatta di massa complessiva alleggerita, motore potenziato, aerodinamica finemente rivista, tecnologie derivate dal mondo delle competizioni ed una produzione a tiratura limitata. La “Concept M4 GTS”, fra le star del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach 2015 ci permette di conoscere qualche dato tecnico in più su quella che sarà la più “track-oriented” delle M4.

Sotto al cofano di questo prototipo, in tinta “Frozen Dark Grey Metallic”, scalpita infatti il potente 3.0 6 cilindri twin-turbo, dotato per l’occasione del sistema di raffreddamento con iniezione di acqua, già visto sulla M4 che fa da Safety Car nel campionato di MotoGP: permetterà all’auto una maggiore efficienza, garantendo al contempo livelli più elevati di potenza e coppia massima. Per gruppi ottici e fanaleria è invece stata impiegata la tecnologia OLED (organic light-emitting diode).

Splitter frontale e alettone posteriore sono entrambe regolabili manualmente e costruiti in fibra di carbonio, il medesimo materiale impiegato per il cofano motore ventilato e per il diffusore montato a livello degli scarichi sportivi. I cerchi in lega “666 M styling”, forgiati, cromati e con accenti in "Acid Orange", sono gommati con pneumatici Michelin Sport Cup 2 (265/35 R19 all’anteriore e 285/30 R20 al posteriore) e nascondono un impianto frenante con dischi in carboceramica.

  • shares
  • Mail