Porsche: un semestre "a tutto turbo"

Caleranno drasticamente le cilindrate; aumenteranno la potenza e l'efficienza.

porsche turbo

Non avrà la valenza storica del passaggio dei “flat-six” dal raffreddamento ad aria a quello a liquido, né manderà definitivamente in pensione i famosi motori atmosferici di Zuffenhausen; ma col 2016 si completerà un rinnovamento pressoché completo dell’intera gamma Porsche. Come molti di voi avranno già capito, parliamo dell’arrivo dei nuovi motori sovralimentati sotto al cofano di Porsche 911, Boxster e Cayman: un rivoluzione che, calendario alla mano, dovrebbe essere completata in circa 6 mesi.

Si inizia a settembre con la Nove-Unidici

Il primo atto di questa trasformazione avrà luogo al prossimo Salone di Francoforte, in programma a metà del prossimo mese: sarà “sua maestà” 911 il primo modello a prendere in dote le nuove unità sovralimentate. Sotto al cofano della Nove-Unidici e di tutte le derivazioni a quattro ruote motrici, con carrozzeria Coupè, Cabrio e Targa, arriverà un inedito 3 litri boxer twin-turbo che rimpiazzerà le attuali unità aspirate da 3.4 e 3.8 litri.

Parliamo quindi di un downsizing della cilindrata compreso fra 400 ed 800 centimentri cubici che garantirà valori di consumi ed emissioni sensibilmente ridotti; ma che consentirà al contempo un incremento delle potenze in gioco: come anticipato dai colleghi di Autobild, Carrera e Carrera S arriveranno ad erogare rispettivamente 370 e 420 Cv, mentre la Carrera GTS dovrebbe toccare quota 450 Cv; la coppia motrice oscillerà invece fra 450 e 500 Nm, erogati a regimi di poco inferiori ai 2000 rpm.

E su Boxster e Cayman debutta il boxer a 4 cilindri

Salvo inaspettate sorprese, il Salone di Ginevra 2016 dovrebbe essere il teatro di presentazione per le aggiornate Boxster e Cayman e le rispettive versioni “S” e “GTS”: anche in questo caso il propulsore aspirato dovrebbe cedere il posto a motori sovralimentate, nuovi boxer a 4 cilindri. Lo ha confermato lo stesso Matthias Mueller, numero uno di Porsche, in una recente intervista ad Automotive News.

Anche in questo caso la riduzione delle cubature sarà consistente, compresa fra 700 e 900 cc: la Boxster e la Cayman dovrebbero passare da 2.7 a 2 litri di cilindrata (questa nuova unità potrebbe derivare dal sopracitato 3.0 twin-turbo della 911) ed erogare una potenza nell’ordine dei 295 Cv; sulle “S” e “GTS” dovrebbe invece finire il “flat-four” da 2.5 litri, con cavallerie rispettivamente di 345 e 360 Cv: questo propulsore manderà in pensione il 6 cilindri da 3.4 litri. I 4 cilindri permetteranno inoltre a Cayman e Boxster di ridurre il peso complessivo, a tutto vantaggio dell’handling.

Addio boxer aspirato? Non ancora

Nonostante il “turbine” di cambiamenti all’interno della gamma Porsche, il glorioso 6 cilindri boxer aspirato dovrebbe rimanere a listino ancora per qualche anno: secondo le indiscrezioni più recenti, continuerà a spingere le cavalline più sportive, quelle strettamente imparentate col mondo del motorsport: parliamo quindi della Cayman GT4 e delle 911 GT3 e GT3 RS, propulse rispettivamente da motori con 3.4, 3.8 e 4 litri di cilindrata e potenze di 385, 475 e 500 Cv. Anche su questi modelli, in occasione dei rispettivi restyling di metà carriera, dovrebbero arrivare degli adeguamenti di potenza.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: