Viaggia per quasi 70 chilometri con l'auto incidentata

L'auto era mezza distrutta, ma il suo conducente non ha voluto abbandonarla. Dove andava così di fretta?

Si è concluso nei giorni scorsi il processo ad un 30enne di Birmingham (Inghilterra), accusato di guida pericolosa in relazione ad un episodio verificatosi il 30 maggio scorso. Il ragazzo stava guidando lungo l’autostrada M5, quando la sua Opel Vectra è rimasta coinvolta in un tamponamento a catena ed ha terminato la propria corsa sotto un rimorchio.

Le immagini testimoniano la violenza dell’impatto. L’auto ha riportato gravi danni alla struttura del tetto, al paraurti anteriore e soprattutto al parabrezza. Chiunque avrebbe atteso un carro attrezzi e sarebbe poi tornato a casa grazie al passaggio di un amico, ma il protagonista della storia non ha voluto abbandonare la propria vettura: dopo l’incidente ha rimesso in moto ed ha guidato per ulteriori 68 chilometri, prima che una volante della Polizia stradale lo fermasse. Il ragazzo - come leggiamo su Motor Torque - ha ammesso di aver raggiunto anche i 145 km/h. L'automobilista verrà giudicato venerdì 21 agosto.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: