Comprare l’auto dei sogni: investimenti sicuri e mirati permettono di realizzare il proprio obiettivo

Un corretto piano di accumulo può farti raggiungere, senza rischi, la somma necessaria per comprarti l’auto che hai sempre desiderato.

blogger_auto.jpg

Un appassionato di auto, pur di potersi comprare la vettura dei sogni, è disposto a fare grandi sacrifici. Nella società moderna, purtroppo, la buona volontà a volte non basta. Le elevate tariffe delle assicurazioni insieme al pagamento del bollo e del superbollo (sono numerosi i modelli per i quali si è costretti a pagare anche questa tassa aggiuntiva) generano una spesa importante che, abbinata ai costi di manutenzione e utilizzo, può risultare decisamente impegnativa da sostenere.

La situazione migliora quando si parla di auto d’epoca, o comunque vicine ad esserlo. In questa circostanza il “problema” è rappresentato dalla cifra da sborsare al momento dell’acquisto. Personalmente ho sempre avuto un debole per le Porsche, in particolar modo per le 911. Da parecchi anni, il mio obiettivo è riuscire a mettermi in garage una 911 prodotta nel mio anno di nascita. Si tratta di un esemplare con qualche anno di vita sulle spalle, più abbordabile rispetto alla generazione attuale. Terminati gli studi ed entrato nel mondo del lavoro, è arrivato il momento di trovare la maniera per investire adeguatamente parte dei miei guadagni, per trasformare il sogno in realtà.

Il budget messo da parte finora è di 15.000 euro, ma la strada da fare è ancora lunga. Fortunatamente non ho fretta. I sogni non scappano. Inizio, quindi, a ragionare su come far crescere nel tempo i risparmi. Essendo molto prudente in tema di soldi e non volendo espormi a rischi eccessivi, voglio valutare attentamente tutte le opzioni disponibili. Facendo una ricerca in internet scopro di poter richiedere una consulenza non solo ai promotori della mia banca, ma anche online grazie a realtà che integrano consulenza e trading e che, grazie alla tecnologia, sono riuscite a ottimizzare i costi.

A questo punto decido di chiedere maggiori informazioni alla mia banca, per poi fare un raffronto con i servizi di consulenza online. Mi vengono proposte diverse tipologie di investimento che comprendono obbligazioni, un conto deposito, investimenti in fondi comuni oppure in ETF. In seguito a una scrupolosa valutazione, decido di scartare le possibilità poco remunerative e quelle troppo rischiose, optando per un portafoglio in ETF: se ben bilanciato e diversificato può contenere il rischio e riservare buoni rendimenti nel lungo termine.

Una volta raccolte le informazioni necessarie dalla mia banca faccio un confronto con le realtà che operano online, trovando MoneyFarm. Da subito attira la mia attenzione: MoneyFarm, infatti, è una società completamente indipendente. Non riceve retrocessioni da banche o da altri intermediari, ma viene finanziata esclusivamente dai clienti. Fornisce il controllo totale delle proprie finanze e la possibilità di gestirle in modo del tutto autonomo, seguendo i consigli e i suggerimenti di persone con grande esperienza nel settore. Trattandosi di un robo advisor, scopro inoltre alcuni vantaggi dati dalla tecnologia, sia in termini di costi che di servizi.

Dopo essermi iscritto gratuitamente al sito, in modo semplice e veloce, mi accorgo che esiste una soluzione, il piano di accumulo, in grado di permettermi di investire attraverso versamenti periodici in un portafoglio costituito da più ETF. Visto che il mio obiettivo è di lungo termine, lo scelgo senza esitazione. Avvio il piano di accumulo in ETF, versando un ammontare iniziale di 15.000 euro, che mensilmente incrementerò attraverso versamenti da 100 euro. La meta così, è sempre più vicina!

Questo articolo è in collaborazione con MoneyFarm

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: