Debutta in India la Hyundai Creta

L'automobile va considerata un alter ego della ix25 e vanta soluzioni particolarmente raffinate in relazione al segmento d'appartenza. Tre i motori disponibili.

Il primo SUV del marchio Hyundai a debuttare sul mercato indiano rientra non per caso nella categoria dei B-SUV. E’ un dettaglio non trascurabile, perché la Creta ha il doppio compito di sedurre un buon numero di clienti e di aumentare allo stesso tempo la percezione della casa fra gli automobilisti locali: la nota stampa indugia più volte sull’accezione premium del veicolo, evidente in particolare a livello tecnico.

Il telaio della vettura coreana impiega ad esempio acciai ad alta ed altissima resistenza, garantisce risultati superiori alla media del segmento in termini di sicurezza ed offre al contempo livelli di insonorizzazione pari a vetture studiate per automobilisti più esigenti. Lo stile rispetta i motivi dell’impronta nota come Fluidic Sculpture 2.0, i cerchi in lega possono raggiungere la misura di 17 pollici ed i fanali anteriori integrano luci di posizione a LED. L’azienda coreana non rivela al momento le specifiche complete. Possiamo comunque immaginare che la Creta mantenga le stesse dimensioni della ix25, alter ego destinato al mercato cinese e presentata al momento in qualità di concept car: misura 4.270 mm in lunghezza e vanta un passo di 2.590 mm, mentre i valori di larghezza ed altezza si attestano rispettivamente ad 1.780 mm ed 1.630 mm.

La gamma motori della Hyundai Creta è composta da tre unità: il benzina 1.6 VTVT sviluppa 123 CV, il 1.6 CRDi ne eroga 128 e del 1.4 CRDi non vi sono ancora i numeri definitivi. Il 1.6 CRDi è l’unico a prevedere l’opzione del cambio automatico. L’equipaggiamento di bordo include sei airbag, il sistema d’avviamento tramite pulsante, un sistema multimediale con monitor da 5 pollici ed un impianto audio con 6 altoparlanti.

  • shares
  • Mail