Uber: da ora non si possono trasportare armi nelle auto

Può sembrare incredibile, ma finora non erano previsti divieti nei confronti del trasporto di armi. Lo stesso accade per Lyft.

Una schermata dell'app di Uber

Autisti e passeggeri non potranno trasportare alcun tipo di arma sulle automobili del servizio Uber. Sembra una puntualizzazione scontata e fuori luogo, ma in realtà solo negli scorsi giorni l’azienda californiana ha modificato il regolamento in materia: venerdì 19 giugno Uber ha comunicato in forma ufficiale di aver cambiato 9 nove giorni prima la regola sul trasporto di armi all’interno di un’automobile, rendendolo vietato per tutte le vetture affiliate al servizio o ad una fra le sue controllate.

Un portavoce dell’azienda ha spiegato che il divieto entra in vigore dopo un’attenta analisi delle politiche esistenti e dopo la revisione dei commenti espressi dagli autisti. I trasgressori verranno puniti con il divieto perenne di accesso alla piattaforma, ma non è chiaro in quale modo verrà applicata tale interdizione.

In questo modo l’azienda risponde alle critiche di chi riteneva troppo blando il sistema per la selezione dei conducenti, colpevoli di alcuni fatti di cronaca: il più clamoroso risale all’aprile 2015, quando il conducente di una vettura sparò ad un 22enne colpevole di aver aperto il fuoco verso un gruppo di passanti. Lyft – società concorrente di Uber – non ha alcuna regola in merito al possesso di armi, ma vieta l’accesso al servizio a chiunque venga trovato in possesso di un’arma nell’abitacolo di una sua vettura.

  • shares
  • Mail