Truffa contachilometri auto: un emendamento per arginare il problema

Della questione parla anche un libro, nel quale si fornisce una stima allarmante: in Italia la truffa delle auto usate ha raggiunto il valore record di 2,5 miliardi di euro l'anno.

Il contachilometri di una vecchia auto

Il vicepresidente della Commissione Trasporti del Senato presenterà un emendamento al fine di rendere obbligatoria la rilevazione sul chilometraggio al momento della revisione, in maniera tale da porre fine alla truffa delle automobili usate. Il tema è di particolare attualità.

Non solo perché in questi giorni si discute la riforma del Codice della Strada, ma perché un libro-inchiesta traccia i confini del malcostume: si intitola Non prendermi per il Chilometro, è stato scritto da Alfredo Bellucci (commerciante di auto che si dice indignato) e rivela come in alcuni casi la truffa interessi il 50 per cento delle compravendite di veicoli usati.

La truffa del contachilometri si scarica drammaticamente anche sulla sicurezza dei veicolispiega Stefano Esposito, senatore del Partito Democratico e vicepresidente della Commissione Trasporti del Senato –. Ritengo che sia opportuno un intervento legislativo: in Senato stiamo discutendo proprio in questi giorni il nuovo codice della strada. Parlerò con il relatore del provvedimento, Daniele Borioli, e presenterò un emendamento per rendere obbligatorio il dato del chilometraggio all'atto della revisione”.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: