La prima Shelby Cobra stampata in 3D

La vettura pesa 635 chili ed impiega un motore elettrico da 135 CV. Oltre due terzi della massa complessiva sono stati prodotti grazie alla stampante.

Il Dipartimento dell’Energia statunitense ha incaricato l’Oak Ridge National Laboratory di costruire una replica della Shelby Cobra, utilizzando però un sofisticato macchinario dal nome onomatopeico: Big Area Additive Manufacturing può essere abbreviato come BAAM e definisce una modernissima stampante 3D, utile soprattutto a chi deve modellare il clay per realizzare prototipi di automobili.

Tale onere potrà essere affidato alla macchina, sviluppata per convertire plastica, fibra di carbonio e metallo in componenti strutturali o semplicemente estetici. Il risultato è sorprendente: i tecnici dell’istituto hanno avuto bisogno solamente di 24 ore per stampare tutti gli elementi utili, fra cui il telaio, la carrozzeria, gli archetti dietro i poggiatesta e la griglia anteriore. Il sito internet del laboratorio rivela che la massa complessiva delle parti stampate ammonta a 230 chili, realizzate al 20% in fibra di carbonio.

Ciascun particolare è stato poi carteggiato e modellato. BAAM non è in grado al momento di realizzare il motore, ragion per cui è stata scelta una unità elettrica da 136 CV. La sportiva pesa 635 chili copre lo 0-96 km/h in meno di 5 secondi. Il Dipartimento ha scelto la Cobra in quanto nel 2015 ricorrono i 50 anni dalla sua introduzione. Sono state necessarie 6 settimane per completare l’auto, iniziando però dal foglio bianco.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: