Maaxi: l’applicazione anti-Uber che piace ai taxisti

La start up è stata fondata nel 2012, ma l’applicazione è disponibile solo dal 2014. I taxisti possono aumentare il prezzo della corsa qualora accolgano a bordo un numero maggiore di passeggeri.

I londinesi possono utilizzare dallo scorso anno l’applicazione Maaxi, disponibile per terminali iOs ed Android ed utile per dividere le spese legate ad un tragitto in taxi. In questo modo, secondo i responsabili della società, una corsa su un black cab non risulta più cara rispetto ad un biglietto per la metropolita o per un bus.

Maaxi funziona secondo il paradigma della sharing economy: più persone condividono lo stesso servizio, in maniera tale da abbattere i costi e migliorare l’efficacia complessiva – meno emissioni, un viaggio solo e non cinque corse separate – del servizio stesso. Gli utenti devono scaricare l’applicazione ed indicare gli estremi della corsa.

Verrà loro fornita una tariffa, che i taxisti possono aumentare in relazione al numero dei passeggeri. Questo meccanismo porta l’amministratore delegato di Maaxi a considerare l’app un servizio di tipo win-win, in cui guadagnano sia i taxisti che i passeggeri. Il software ha già ricevuto l’approvazione della Licensed Taxi Drivers Association.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su App per l'automobile

Ogni settimana un post relativo ad applicazioni per smartphone iPhone e Android, utili agli automobilisti.

Tutto su App per l'automobile →