Il bollo auto italiano è illegale? Solo una bufala

bollo auto

Sono oramai diversi mesi, per non dire anni, che ogni tanto nei vari social network esce fuori la notizia del bollo quale tassa da non pagare, in quanto illegale. Più precisamente, molti articoli e post sui social, motivano tale incentivo alla disobbedienza ricorrendo all'Unione Europea. In altre parole, ogni anno il Belpaese riceverebbe una multa proprio perchè continua a far pagare il bollo ai propri cittadini. Se anche voi avete letto questa notizia sparsa per la rete, sappiate che è completamente falsa; una delle classiche bufale che ultimamente stanno affollando i nostri social.

Secondo quanto riportato da Altroconsumo infatti, il 13 febbraio 2012, fu presentata un'interrogazione proprio al parlamento europeo in materia di "tassazione delle autovetture nell'UE ed il bollo auto italiano". All'interno della richiesta, fu richiesto anche di avviare uno studio per poter inquadrare e delineare al meglio la situazione di tassazione delle auto e del mercato di tutti gli stati membri dell'Unione stessa, e conseguentemente verificare poi la compatibilità del bollo auto italiano nello scenario automotive europeo.

La Commissione Europea si è fatto sentire, facendo pervenire una risposta poco tempo dopo, più precisamente il 20 marzo 2012, facendo chiarezza sulla questione. Tale risposta esplicitava come "fatto salvo il rispetto dei principi generali del diritto dell'Unione, i regimi fiscali nazionali in materia di tassazione delle autovetture sono a discrezione degli Stati membri". In altre parole, è l'Italia sovrana e titolare del potere decisionale di poter tenere o togliere il bollo sulle autovetture e l'Unione Europea non lo ha mai ritenuto contrario al diritto.

Oltretutto, come si può facilmente notare dalla datazione di domanda e risposta, ci si accorge che si tratta di una questione piuttosto vecchia. Purtroppo però, ogni tanto, quasi con cadenza mensile, questa vecchia bufala riemerge tra i social network italiani. Il bollo, volenti o nolenti, è una tassa che ancora oggi, va pagata!

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: