Il giudice si ribella alla multa del vigile

I passanti avranno creduto di trovarsi davanti alle telecamere: il giudice ha iniziato la tiritera del “lei non sa chi sono io”, finendo poi con il minacciare il pizzardone.

Il Consiglio superiore della magistratura deciderà venerdì 17 aprile se infliggere una sanzione disciplinare ad un giudice della Corte costituzionale, multato per divieto di sosta nel centro della capitale e rivoltosi poi in modo sprezzante al vigile che lo aveva sanzionato.

Il dialogo riportato da Il Corriere della Sera pare tratto dal film Il vigile. P. F. B ha prima messo in chiaro di essere un magistrato, si è poi arrogato il diritto di vedersi cancellare la sanzione (“Me la deve togliere e basta”) ed ha poi messo in dubbio l’integrità del vigile, sottolineando come l’atteggiamento tenuto dai suoi colleghi rappresenti nella maggior parte dei casi un incentivo per violenze ed oltraggi.

Il giudice non si è negato nemmeno le minacce: avrebbe raccomandato al vigile che “tutto questo avrà un seguito”. Il pizzardone non si è lasciato intimorire ed ha firmato la multa, costringendo il giudice ad un secondo processo: il GIP di Perugia ha comunque archiviato il caso.

Foto | Flickr

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Brevi

Link a notizie brevi sul mondo dell'auto

Tutto su Brevi →