La Sfida del Venerdì: era un'Aston Martin DB5

Riuscireste ad indovinare il nome di un modello in base ad un particolare della sua carrozzeria? Mettetevi alla prova!

Nuovo episodio della nostra “Sfida del Venerdì”: vi proponiamo un piccolo particolare dell’auto che siete chiamati a riconoscere. L'ultima volta la protagonista del nostro gioco era una Maserati Bora; questa volta invece l'auto da indovinare non è italiana. La risposta al quesito, al solito, arriverà lunedì. Se volete proporre altre sfide da lanciare alla nutrita community di autoblog, scrivete a suggerimenti@autoblog.it!

La Sfida del Venerdì: la soluzione

Era un'Aston Martin DB5. Un'icona britannica degli anni sessanta capace di far innamorare generazioni di appassionati per le sue forme eleganti ma sportive e per la sua meccanica raffinata. Prodotta tra il 1963 ed il 1965 l'Aston Martin DB5 è diventata famosa nell'immaginario collettivo, anche tra i non appassionati di auto, in quanto vettura utilizzata in diverse occasioni da James Bond.

Quest'icona britannica del design ha però origini italiane. La carrozzeria dell'Aston Martin DB5 venne infatti disegnata dall'italiana Touring Superleggera, con gli inglesi che la produssero su licenza. Inconfondibili le linee da vera Aston Martin, con la classica calandra anteriore abbinata a linee morbide ma sportive che sottolineano l'eleganza della vettura pur rendendola estremamente dinamica.

Nei tre anni in cu fu costruita vennero prodotti 1.021 esemplari, per la maggior parte con carrozzeria coupé, con solo 123 Aston Martin DB5 Volante in versione cabrio. Lunga 4 metri e 57 centimetri, alta 1.35 metri e larga 168 centimetri, l'Aston Martin DB5 pesava 1.565 chilogrammi, dimostrandosi più pesante rispetto alla precedente Aston Martin DB4.

Sotto al cofano anteriore la sportiva proponeva un sei cilindri in linea da 4.0 litri, con un carburatore ogni 2 cilindri. La potenza di 282 cavalli consentiva alla trazione posteriore di portare l'Aston Martin DB5 fino ad una velocità massima di 238 chilometri orari.

Aggiornamento a cura di Mirco Magni

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: