Tampona i Carabinieri e si finge il gemello

L'uomo è un assessore del comune dell'Aquila, "costretto" ad inventare la bugia perché già privo della patente. I Carabinieri lo hanno smascherato.

incidente_carabinieri

Un consigliere comunale dell’Aquila si è finto il fratello gemello per trarsi d’impaccio da una situazione piuttosto spiacevole. C’entra solo in parte l’incidente che il politico aveva appena commesso, per di più contro una gazzella dei Carabinieri. Questo perché il malcapitato non avrebbe proprio dovuto mettersial volante: Gianni Padovani si era infatti già visto sospendere la patente. L’incredibile episodio risale a poche ore fa e viene raccontato dal sito Il Centro.

Protagonista è il 39enne Padovani, esponente del partito PSI socialisti riformisti, che ha tamponato all’Aquila la macchina di servizio della compagnia dei Carabinieri di Tagliacozzo. L’uomo si è lasciato prendere dalla tensione e non ha ammesso le proprie responsabilità, inventando una scusa decisamente poco credibile: si è finto il gemello Agostino, che della patente è invece in possesso. I Carabinieri lo hanno quindi denunciato per guida con patente sospesa e false generalità.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail