Cina: distrutti 156 taxi illegali

Taxi Illegali Cina

156 taxi illegali sono stati completamente distrutti nella città Hefei, capoluogo della provincia di Anhui in Cina con quasi 4 milioni e mezzo di abitanti. Il fatto curioso, ma che da un certo punto di vista non stupisce, è che i taxi illegali in Cina sono completamente "travestiti" da taxi regolari. Colore, scritte, insegne e tassametro sono gli stessi utilizzati dai taxi "veri". Non solo, a quanto riporta Carnewschina, anche le targhe sono finte così come il tagliando dell'assicurazione.

Per quelli che stanno pensando che anche da noi c'è chi circola con assicurazioni fasulle e che nelle nostre città ci sono taxisti abusivi, ecco che i cinesi ci insegnano una bella lezione. I taxi illegali sono stati completamente smontati per evitare che vengano riutilizzati. Una storia che racchiude una piccola rinvicita: la prima parte della distruzione è stata portata a termine dai taxisti regolari, che hanno avuto modo di sfogarsi di tanta rabbia repressa.

Possibile? In Cina non sempre la realtà è come sembra. Si scopre allora che è virtualmente impossibile aprire una compagnia privata di taxi: quelle esistenti sono tutte di proprietà statale o dei governi locali. Ecco allora spiegata la solerzia della polizia nello scovare i taxi illegali e nello smantellamento completo dei mezzi...

Taxi Illegali Cina

Taxi Illegali Cina
Taxi Illegali Cina
Taxi Illegali Cina
Taxi Illegali Cina
Taxi Illegali Cina
Taxi Illegali Cina

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: