Al Festival of Speed di Goodwood una storica Ford GT40

Ford GT 40, la vintrice della 24 Ore di Le Mans del 1966

Il 19 giugno di "quel" 1966 fu per Ford uno dei giorni più importanti della sua storia: alle quattro del pomeriggio, tre Ford GT40 passarono sotto la bandiera a scacchi della 24 Ore di Le Mans, la più avvincente, suggestiva e importante competizione automobilistica della storia.
Per la casa americana quell'evento era stato preparato in grande stile. Tre le squadre presenti: il team Shelby-American poteva contare sulle coppie Dan Gurney/Jerry Grant, Bruce McLaren/Chris Amon e Ken Miles/Denis Hulme. Il team Holman and Moody schierava Mark Donohue/Paul Hawkins, Mario Andretti/Lucien Bianchi e Ronnie Bucknum/Dick Hutcherson; Alan Mann, infine, era presente con Graham Hill/Dick Thompson/Brian Muir. Dopo la prima ora, c'erano cinque Ford nei primi otto posti ma dopo sei ore due Ferrari erano riuscite a portarsi in prima e seconda posizione.


Dopo una grande bagarre notturna, poco prima dell'alba, Ford ricomincia a dominare la corsa piazzando 6 auto nelle prime sei posizioni mentre nelle retrovie, quasi tutte le Ferrari erano state costrette al ritiro per noie meccaniche. Le ultime ore di gara furono contrassegnate da momenti concitati, sia in pista, sia ai box ma alla fine, tre straordinarie GT40 tagliarono il traguardo ai primi tre posti: McLaren/Amon, Ken Miles/Denis Hulme, Bucknum/Richard 'Dick' Hutcherson.
Ford aveva così chiuso in modo magnifico due anni di intenso sviluppo e aveva dimostrato che non erano necessari 12 cilindri per avere l'auto più forte.


Per celebrare quello storico evento, al Festival of Speed di Goodwood la Ford porterà la mitica "n.2" per ricordare una delle vittorie più importanti della sua storia di fronte a migliaia di entusiastici e appassionati spettatori.


Via | Comunicato stampa ufficiale

  • shares
  • Mail
40 commenti Aggiorna
Ordina: