Mercato auto Europa: ad Aprile le immatricolazioni al -6.5%; la posizione di UNRAE

Arrivano puntuali i dati UNRAE e ACEA (l'Associazione dei costruttori continentali) relativi alle immatricolazioni in Europa nel mese di Aprile 2012: il quadro che ne emerge è quello di un mercato continentale “tenuto a galla” dalla crescita nei paesi dell’Est. La flessione registrata nel quarto mese del 2012 è stata comunque pari al -6,5%, con 1.058.348 auto vendute. Valori che fanno chiudere il 1° quadrimestre dell’anno ad un totale di 4.487.798 unità immatricolate, in calo del 7,1%. Di seguito le considerazioni di UNRAE a riguardo.

Ben 15 Paesi su 29 – il 68% delle vendite totali – performano in aprile meglio della media EU27 + EFTA. Tra questi, prevalentemente Paesi dell’Est, ci sono 2 dei grandi mercati europei, Germania e UK, con il segno “+”, ma anche la Francia, il cui -1,9% può essere letto positivamente, considerato che il 1° trimestre, penalizzato dall’effetto confronto, si era chiuso con un -21,6%. Italia - definitivamente quarto mercato in Europa - Spagna, Belgio e Olanda frenano pesantemente le capacità di crescita del Vecchio Continente.Calo importante a doppia cifra per Portogallo e Grecia, specchio della loro difficile crisi economica.

“Se nei prossimi mesi Germania e Gran Bretagna riusciranno a confermare le loro performance di crescita e la Francia a stabilizzare il proprio mercato, l’Italia resterà la maggiore responsabile del rallentamento dell’Europa. Il peso della nostra recessione renderà questo risultato inevitabile – ha commentato Romano Valente, Direttore Generale dell’UNRAE -Tuttavia, il Governo italiano sembra aver compreso che l’auto in Italia ha bisogno oggi di un’attenzione diversa”.

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: